L’1’17”144 realizzato da Carlos Sainz su McLaren vale, al giro di boa della pausa pranzo e, con esso, della seconda sessione di test a Barcellona, il miglior riscontro ottenuto in queste prove invernali. Una mattinata dalla quale segnalare, però, più del crono del pilota spagnolo, l’uscita di pista, alle 11:10, di Sebastian Vettel.

La Ferrari SF90 è andata a sbattere in curva 3 a causa di un problema meccanico, come confermato dal box. Sebastian ha visitato il centro medico esclusivamente per precauzione. Programma interrotto con 40 giri percorsi e il tempo di 1’18”195 ottenuto con gomma C3. Quanto al prosieguo di giornata, ci vorranno un paio d’ore perché la monoposto possa tornare in azione, con Charles Leclerc.

Tra le novità tecniche riapparse sulla SF90, si sono rivisti i cerchi posteriori con i generatori di vortici sul canale.

Quella causata da Vettel è stata una delle tre bandiere rosse esposte al mattino, dopo le due causate da Verstappen e Sainz, entrambi rimasti bloccati in fondo alla pitlane. Red Bull attiva nel condurre un long run, che ha visto Max girare sul piede dell’1’21” con gomma C3, programma simile ma con un passo più lento per Carlos Sainz.

Il maggior numero di tornate lo realizza Valtteri Bottas, 75 giri con la Mercedes W10 nella specifica evoluta, uno step già pianificato, essendo la monoposto impiegata nella prima sessione, come anticipato da Sky Sports UK, una configurazione “congelata” allo sviluppo in galleria del vento registrato a fine novembre. Per Bottas un buon numero di passaggi, dopo i problemi avuti ieri dal team, costretto a sostituire la power unit per una perdita di pressione idraulica.

Segui la diretta dei test a Barcellona

Fanalino di coda nel chilometraggio continua a essere Racing Point. Perez ha completato appena 29 giri, meno anche della Williams che ne colleziona 42 con Robert Kubica. In fondo alla graduatoria dei tempi, stamani, la Renault di Daniel Ricciardo, impegnato in prove di long run.

La sessione riprenderà alle 14:00 e proseguirà fino alle 18:00. Sono previsti gli avvicendamenti Vettel-Leclerc, Bottas-Hamilton, Ricciardo-Hulkenberg.