Ferrari subito più a punto e in forma, Mercedes al lavoro per arrivare nelle migliori condizioni possibili a Melbourne. Quali saranno i rapporti di forza tra i primi tre team, si scoprirà solo dal venerdì del GP d’Australia.

Valtteri Bottas fa il punto su dove si trovi la W10 alla vigilia della chiusura dei test, riconosce il dato, ovvio, di una Ferrari competitiva e chiede tempo prima di emettere sentenze affrettate sulla forza della Mercedes 2019.

“La Ferrari sembra molto forte. Come sempre accade tra test e primo gran premio, le cose possono cambiare anche di molto, ma è innegabile abbiano un pacchetto molto competitivo mentre noi dobbiamo ancora tirare fuori il meglio dal nostro per riuscire a competere con loro nel migliore dei modi.

Abbiamo alcuni problemi di bilanciamento ancora da risolvere, possiamo migliorare ancora tante cose della macchina.

La Ferrari sembra molto forte, però, mancano ancora un paio di settimane prima del via della stagione”.

Venerdì potremo leggere il dato velocistico con gomma morbida e su run brevi da parte della W10, in un programma di lavoro finora concentrato sul miglioramento del bilanciamento aerodinamico. Dalla specifica “base” portata nei test della scorsa settimana, Mercedes ha introdotto la versione più evoluta, già programmata e non una “reazione” - peraltro impensabile, visti i tempi ristretti – ai dati registrati nel primo turno.

Segui la diretta dei test a Barcellona

“Con il nuovo pacchetto la macchina va meglio, se sia abbastanza è un punto interrogativo. Ci sono dei miglioramenti rispetto alla scorsa settimana, sia per quanto riguarda la stabilità che l’aerodinamica. Senza dubbio siamo ancora consapevoli di non aver risolto tutte le criticità, spiega Bottas.

“Il team ha deciso questo approccio, ha calcolato fosse il modo migliore di procedere per avere più tempo possibile e lavorare sul nuovo pacchetto e svilupparlo”.

Non esclude che altri dettagli possano essere introdotti direttamente a Melbourne e prosegue:Il pacchetto che abbiamo qui è stato sviluppato a lungo, non è che dopo la scorsa settimana abbiamo realizzato di dover cambiare e abbiamo portato in pista qualcosa di nuovo.

È stato un pacchetto ben programmato molto tempo fa e sono certo proveremo a portare dei miglioramenti anche a Melbourne.

Quel che conta davvero è avere la miglior macchina possibile ingara e per farlo dobbiamo ricavare più dati che possiamo dai test”.