È la fascia intermedia della gamma Pirelli 2019, la grande protagonista di tre dei primi quattro gran premi stagionali. Il debutto in Australia vedrà le mescole C2, C3 e C4 a disposizione dei team, che hanno effettuato le rispettive selezioni sui 10 treni di gomme liberamente rimessi alla scelta delle squadra, mentre tre sono selezionati da Pirelli. 

Non è una sorpresa scoprire la preferenza generalizzata del composto più morbido, la C4. Ricordiamo come, a ogni gran premio, la denominazione e i colori utilizzati per distinguere le diverse mescole saranno invariati: gomma morbida, media e dura; banda rossa, gialla e bianca.

Mercedes, Ferrari e Red Bull operano scelte identiche sulla disponibilità di gomme morbide, 9 treni. Varia la disponibilità di gomme dure, con Leclerc ad avere 2 treni anziché 1 dei vari Vettel, Hamilton, Verstappen, Bottas, Gasly. Scelta normale, nell’ottica di una differenziazione del programma di lavoro al venerdì, per coprire il long run con tutte le tre mescole tra le due monoposto.

Sterzi a parte: Gli splendidi 86 anni di Nino Vaccarella

Il venerdì di Melbourne restituirà i dati sul comportamento delle gomme su un asfalto tradizionalmente molto sporco e dalla marcata evoluzione nel corso del week end. Pista del tutto diversa, l'Albert Park, rispetto al Montmelò sul quale si sono svolti i test e con sollecitazioni sulle gomme differenti. Trazione e frenata, sono i due punti critici.

Formula 1: Hamilton nostalgia delle gomme Pirelli 2018

Difficile attendersi sorprese sulle tattiche di gara: la tendenza ampiamente prevista è di gare a un unico pit-stop, da affrontare con un ritmo più elevato grazie agli interventi sulle coperture, mirati a ridurre il surriscaldamento e, nel caso delle mescole più morbide (C5) l'insorgere di blistering.

Tra le selezioni “alternative”, per quanto irrisorie si rivelino le differenze tra le scuderie, da segnalare i 10 treni di gomme morbide disponibili per Ricciardo e Hulkenberg, al contrario “solo” 8 per i due Racing Point e i due Williams.

Kubica e Russell, ancor più degli altri piloti, vivranno un week end da supplemento dei test invernali, visti i tanti ritardi e problemi (di conformità regolamentare degli specchietti e della sospensione anteriore) sofferti.