Esseeffenovanta. Ufficialmente. Per Sebastian, Lina. Melbourne vale l’annuncio del nomignolo affibbiato da Vettel alla monoposto che dovrà inseguire la gloria iridata, quel che non è riuscito lo scorso anno alla Ferrari SF71H, rimasta Loria, senza la G.

Dal palco della presentazione di piloti e team al pubblico di Melbourne, Seb ha battezzato la Ferrari SF90, il Lina è diventato un internazionale Leena per Mark Webber.

Dopo Eva, Margherita, Gina e Loria, va da sé l’italianità del nome, contro i capitoli Red Bull di Kate, Randy Mandy, Kinkie Kylie, Abbey, Hungry Heidi e Suzie.

Leclerc: "La qualifica il momento che aspetto di più"

Momenti di colore a parte, Seb ha commentato la fase di quiete prima che si scateni la battaglia in pista e, della Ferrari SF90 ha detto: Sapevamo di avere dei punti deboli sulla macchina dello scorso anno e abbiamo provato a risolverli.

Vedremo come inizieremo, la macchina è buona. Siamo pronti, la preparazione ogni anno è sempre simile: inizi i test, poi arrivi qui e inizi a correre”.