Alta formazione FDA. Dalla Driver Academy, Mick Schumacher e Callum Ilott avranno il primo assaggio di Formula 1. Appuntamento in Bahrain per Mick, esordio carico di attenzioni e di romanticismo. Sarà al volante della SF90 nella prima delle due giornate in programma, il 2 aprile, mentre Vettel girerà il 3 aprile, quando troveremo Schumacher sulla Alfa Romeo C38.

Callum Ilott, invece, dovrà attendere la seconda sessione di test destinati ai rookie, Barcellona, il 14 e 15 maggio, per provare la monoposto di Raikkonen e Giovinazzi. Il pilota inglese, ricordiamo, è impegnato in Formula 2 – al via proprio in Bahrain, il prossimo week end – con il team junior di Sauber.

Mick Schumacher: "Paragone con Michael un onore"

“Crediamo fortemente nel valore della Ferrari Driver Academy come programma formativo di alto livello per giovani talenti, e la scelta di avere promosso Charles Leclerc a pilota titolare lo dimostra. Siamo quindi molto contenti di offrire a Mick e Callum la possibilità di prendere contatto con la Formula 1”, il commento di Mattia Binotto.

“Mick, che abbiamo accolto a gennaio in FDA, e Callum, con noi dal 2017, sono certamente piloti in crescita e sono convinto che provare la SF90 in un contesto ufficiale come i test del Bahrain e di Barcellona possa essere molto utile in questa fase della loro carriera.

Binotto: "In Bahrain frenata e trazione importanti"

Dalle parole del team principal, si intuisce per Ilott un programma simmetrico a quello stilato per Mick Schumacher in Bahrain, con l’alternanza tra SF90 e C38 nella due giorni in Spagna.

Le dichiarazioni

“Sono ovviamente molto felice per questa opportunità e vorrei ringraziare Ferrari per aver pensato a me. Non vedo l’ora di godermi questa incredibile esperienza. Per ora però preferisco non pensare al test con Ferrari e Alfa Romeo Racing ma continuare a concentrarmi sul mio debutto F2. Fino a domenica preferisco pensare solo a questo”, ha commentato Mick Schumacher, al via del campionato di Formula 2 con Prema Racing.

F1, Strategy Group e la Commissione F1 decidono il futuro