Dopo la delusione del GP d’Australia serviva un segale, una scossa, e nel deserto del Bahrain è arrivata. Le Ferrari SF90 sono state le monoposto più veloci nei due turni di prove libere del venerdì, con Leclerc a firmare il miglior tempo nelle FP1 con il tempo di 1:30.354.

Nelle FP2 è arrivata la pronta riposta di Vettel. Il tedesco ha firmato il miglior tempo di giornata 1:28.846, davanti di un soffio (appena 35 millesimi) al giovane compagno di squadra, ma soprattutto con più di mezzo secondo dato alle Mercedes, finite al terzo e quarto posto con Hamilton e Bottas rispettivamente a 0.603” e 0.711”.

Ci sarebbe molto materiale sul quale discutere nel brefing post libere ed essere contenti, ma a Vettel non basta e, soprattutto, non crede che le Mercedes siano quelle viste oggi in pista. Il tedesco crede che le W10 si siano un po’ nascoste.

Analisi delle prove libere

“Non è mai abbastanza - ha detto Vettel ai microfoni di Sky - E lo scopriremo domani. Da parte mia sono contento del risultato, ma dobbiamo lavorare anche perché possiamo migliorare. Ne sono convinto perché, salito in macchina, ho provato sensazioni diverse, positive rispetto all’Australia. C’è ancora del potenziale, se riusciamo a esprimerlo tutto, ci presenteremo in ottime condizioni in qualifica”.

Vettel vuole ancora di più dalla sua SF90, proprio perché non si fida delle Mercedes: “Dobbiamo aspettarci una Mercedes molto forte in qualifica, le ho viste veloci in curva. Saremo tutti molto vicini”.

Classifica e risultati