È facile capire Sebastian Vettel. È facile se il punto d’osservazione sullo stato di salute della Formula 1 è quello di uno dei piloti più preparati e appassionati sotto il profilo storico.

La categoria discute da 2 anni del volto che dovrà darsi nel 2021, tra nuovi regolamenti tecnici, diversa ripartizione dei premi tra le squadre, introduzione di limiti di spesa, standardizzazione di molte componenti della monoposto, irrilevanti al grande pubblico.

I primi punti fermi dovranno scriversi entro fine giugno, per iniziare a lavorare su una generazione di macchine che si preannuncia, nelle intenzioni, molto diversa dalle attuali.

Alonso: Finora nessuno più veloce a parità di macchina

QUALE FORMULA 1 NEL 2021?

Seb parla apertamente di un’attesa per capire quale Formula 1 sarà, nel 2021, lui che sotto contratto con la Ferrari lo sarà fino al termine 2020, con l’accordo attuale. Scadenza uguale per Lewis Hamilton e Max Verstappen.

“Il mio contratto dura fino al 2020. Sono sicuro di voler davvero guidare quest’anno e il prossimo, poi non so cosa accadrà ai regolamenti, finora non lo sa nessuno.

Non posso stare seduto qui e dirti “No, non lascerò, solo per il gusto di stare in F1”, spiega intervistato dal The Times.

Hamilton ancora in difesa di Sebastian: è un grande atleta

Considerazioni prima della gara in Bahrain, da non leggere con gli eventi accaduti domenica scorsa.

SEB VISIONE ROMANTICA DELLE CORSE

Il business da miliardi di dollari che genera il Circus finisce con l’essere predominante sullo sport, tanto da far commentare Sebastian: “Molti dei valori che solitamente c’erano sono rimasti solo in parte. La Formula 1 adesso è più uno spettacolo e un business che non uno sport.

Si può dire lo stesso, probabilmente, di altri sport, ma forse altrove non arriva così tanto all’atleta come, invece, avviene qui”.

SCELTE COSTOSE

Una ricerca d’identità che sia chiara, nelle parole di Vettel: “Serve che ci sia una decisione su quel che vogliamo. Se diciamo che siamo uno show, allora portiamo lo spettacolo. Sento che stiamo sprecando così tanto tempo ed energie davvero per nulla, con regolamenti che sono solo costosi.