Prima fila, ma non nella piazzola che avrebbe voluto. Ad Hamilton sarebbe piaciuto firmare la pole 1000 della storia della Formula 1, ma il campione del Mondo si è dovuto accontentare del secondo posto. Il britannico piazzerà la sua W10 al fianco di quella di Bottas domani, dopo aver firmato il secondo tempo in 1:31.570, a un soffio dall’1:31.547 della monoposto gemella.

GP Cina: Analisi qualifiche

“Ho lottato con la macchina per tutto il weekend - ha detto Lewis - anche oggi, perfino in Q2. Ho fatto modifiche al set-up, ho provato anche linee diverse in pista per ridurre il gap”.

“Onestamente sono contento del lavoro fatto, considerando quanto fossi lontano all’inizio della sessione. Valtteri è stato sempre il più veloce, ha meritato la pole”.

 "Ho battagliato contro di lui fino alla fine, e sono riuscito a ridurre il distacco. A un certo punto ero a 8 decimi, quindi arrivare così vicino è fantastico, un risultato davvero incredibile per il team",

Poi, in chiusura, una stoccatina alla Ferrari: “Sembrano veloci, ma siamo ancora davanti”.