Ha provato a contendere fino all’ultimo la proprietà ex Force India a Lawrence Stroll, lo scorso anno. Adesso, Dmitri Mazepin, uomo d’affari russo, attivo nel settore petrolchimico con Uralchem e dal patrimonio personale valutato in 1,3 miliardi di dollari dalla rivista Forbes, ci riprova con la Formula 1.

L’oggetto delle trattative è di gran lunga meno appetibile della ex Force India, i cui problemi erano strettamente di tipo finanziario. La Williams, con cui avrebbe avviato le discussioni, necessita di un profondo stravolgimento, anzitutto organizzativo, scenario che avrebbe voluto realizzare Lawrence Stroll lo scorso anno.

L’avvio delle discussioni, riportato da "motorsport.com", è stato confermato dall’agenzia di stampa russa Tass. Ma c'è da dire che sebbene le trattative secondo i rumors sarebbero avvenute lo scorso fine settimana a Shanghai, da parte di Claire Williams non è stata rilasciata nessuna dichiarazione in merito.

Autosprint Gold Collection 3: Formula Magic Ayrton Senna

La “scalata” alla Williams diverrebbe funzionale allo sviluppo della carriera di Nikita Mazepin, figlio di Dmitri nonché giovane pilota impegnato quest’anno in Formula 2 con ART Grand Prix. Il classe '99 e già stato al volante di una Formula 1 tra il 2016 e 2018, stagioni nelle quali è stato tester e pilota di sviluppo Force India, impegnato nelle giornate di test dedicate ai rookie.

Il percorso di avvicinamento alla Formula 1 replica fedelmente la preparazione seguita da Lance Stroll, visto il programma di test che porterà avanti nel 2019 con la Mercedes W08.

Sterzi a parte: Per la Williams è la stagione dell’addio?

Williams ha messo in congedo il direttore tecnico Paddy Lowe alla vigilia del GP d'Australia, Lowe in possesso anche di una quota azionaria nel team, e ha richiamato Patrick Head, co-fondatore con Frank Williams, nelle vesti di consulente e nel tentativo di introdurre una guida forte e autorevole nell'area tecnica.