Nel momento clou delle qualifiche, Max Verstappen era parso rimanere bloccato dalla procedura di pesa al termine di un primo run "sfalsato" mentre gli altri entravano in pista per il secondo decisivo tentativo. In realtà questo non era nemmeno previsto per l'olandese, che spiega: «In Q3 abbiamo adottato una strategia diversa perché mi era rimasto un solo set di pneumatici, ed ero rimasto da solo: qui lo soffri e perdi rispetto agli altri che vengono "trainati"». Infatti Pierre Gasly non ha girato in Q2 e quindi non poteva aiutare il compagno di team nel gioco delle scie.

Così, come spiega anche il team principal Chris Horner, «Sarebbe stato impossibile sincronizzarsi con gli altri per avere una scia, per cui abbiamo deciso che l'approccio migliore fosse quello "quick-slow-quick" (ovvero, intervallare due giri tirati da uno di raffreddamento e ricarica degli apparati elettrici, ndr) sfalsando Max per essere almeno libero dal traffico».

In ogni caso Max sembra abbastanza soddisfatto: «Siamo rimasti positivamente sorpresi di essere così competitivi in ??qualifica e la seconda fila della griglia non è male. Ho dato tutto quello che potevo e il mio ultimo giro è stato abbastanza buono. Penso che avremmo potuto lottare per la pole se fossimo stati nel giusto "treno" di macchine, ma almeno sappiamo che la nostra sta funzionando bene». Dunque le prospettive per la gara restano positive: «È sempre una "crazy race" qui e sicuramente non si vince alla prima curva. Siamo tutti piuttosto vicini per cui anche dalla quarta posizione potrò lottare per la gara».

La stessa cosa non la può dire Pierre Gasly, condannato a partire dalla pitlane per via della penalità ottenuta dopo aver saltato la pesata in FP2. Ma anche lui esce dalle qualifiche soddisfatto: «È la prima volta quest'anno che mi sono sentito così bene sulla macchina, per cui sono contento. Lavorando passo dopo passo stiamo andando nella giusta direzione ed è comunque stato bello trovarmi davanti a tutti alla fine delle Q1, nonostante non avessimo spremuto la power unit per risparmiarla, quindi nel complesso sono state qualifiche positive. La macchina è buona, quindi spingerò comunque per arrivare a punti domani». Considerando che il tempo ottenuto in Q1 gli avrebbe permesso di partire in quinta posizione, tali aspettative non sono soltanto una vana speranza, parrebbe. Tuttavia in quel giro Gasly aveva ecceduto i limiti di flusso carburante e per questo gli sono state cancellate le qualifiche, senza ulteriori penalità.