Dopo una pole solo temporanea a metà Q3 di Baku, Lewis Hamilton non è riuscito a migliorare abbastanza nel secondo run, complici un paio di sbavature a inizio giro, e così si è visto sopravanzare da Valtteri Bottas di 59 millesimi. Resta comunque abbastanza stupito, apparentemente, della prima fila appannaggio interamente del suo team: «Non pensavamo che saremmo stati abbastanza veloci da ottenere la prima fila qui: Charles in particolare è stato stato molto forte per tutto il weekend. Abbiamo apportato miglioramenti e pensavamo di poter stare entro 1 o 2 decimi, ma non questo. Quindi sono davvero orgoglioso di quanto abbiamo fatto in una delle qualifiche più dure e difficili della stagione».

Comunque anche Hamilton riconosce di aver sbagliato il giro decisivo: «Ero molto vicino alla pole e il mio primo run è stato abbastanza buono, però nel secondo ho perso 3 decimi subito nelle prime due curve, e anche se poi ho recuperato, non è stato abbastanza». Questo fa comunque ben sperare in ottica gara: «Infatti se da una parte sono deluso per la pole persa, dall'altra sono positivo: domani cercherò di fare la differenza, perché il nostro passo sulla distanza sembra buono. La partenza sarà importante, ma possono accadere ancora molte cose in gara, di solito ci sono molte safety car». Insomma, pure Lewis conferma che nulla sarà scontato in questa gara.