La Red Bull è riuscita a portare a casa, da Baku, solo il quarto posto di Max Verstappen. Gasly, partito dalla pit lane, ma autore di una grandissima gara tutta in rimonta che l’aveva portato fino al sesto posto, si è dovuto arrendere a un’avaria e parcheggiare la monoposto a bordo pista. Evento che ha causato la chiamata della VSC, che ha rovinato il finale di gara del compagno di team.

"In generale abbiamo fatto una buona gara - Ha dichiarato Max Verstappen - Ho sempre avuto Mercedes e Ferrari alla portata e ho cercato di colmare il gap. La lotta con Perez mi ha fatto perdere un po’ di terreno, ma non ho voluto rischiare tutto e subito. Abbiamo avuto un buon passo, soprattutto con le medie nel secondo stint durante il quale ho recuperato circa sette o otto secondi. Con la Virtual Safety Car, penso di aver raffreddato troppo le gomme e non sono riuscito a recuperare sugli altri. A Baku la temperatura delle gomme è fondamentale, scivoli tanto quando i gradi sono troppo bassi e non valeva la pena rischiare la posizione nei giri finali. La prestazione a Barcellona dipenderà ovviamente dagli aggiornamenti che tutti porteranno, ma speriamo di essere ancora più competitivi e di colmare ulteriormente il divario".

"Questo fine settimana - Ha dichiarato Gasly - è stato migliore delle prime tre gare. Mi sentivo a mio agio con la monoposto e sono stato in grado di guidare come voglio. In gara, partendo dalla pit lane, sapevamo che sarebbe stato difficile lottare, ma avevamo una macchina abbastanza veloce per rimontare e andare a punti. Le cose in gara sono andate abbastanza bene e siamo arrivati fino al sesto posto, ma sfortunatamente per un guasto all’albero di trasmissione, mi sono dovuto ritirare. Nel complesso stiamo andando nella giusta direzione. Ho ancora bisogno di lavorare su alcune cose, ma ogni fine settimana, anche grazie al team, sto migliorando”.