Da Bottas a Mazepin, Mercedes conferma la miglior prestazione nella seconda giornata di test a Barcellona. Contano relativamente i riscontri cronometrici, in una sessione utilizzata anzitutto per sviluppare le monoposto e condurre specifiche raccolte dati.

Alla pausa pranzo era stato Kevin Magnussen a portare la Haas in testa, 46 giri con il più rapido in 1’18”101 e gomma C3, davanti ad Antonio Fuoco, stessa mescola e 60 giri all’attivo.

FERRARI AL LAVORO SULL'AERODINAMICA ANTERIORE

Il migliore è arrivato in 1’18”182, con Antonio impegnato nel condurre una raccolta dati soprattutto nella zona dell’ala anteriore, non con i consueti rastrelli per la mappatura dei flussi, piuttosto con quelli che potrebbero essere sensori di misurazione dell’altezza da terra, rilevata al centro dell’ala e sulle paratie esterne.

Fuoco ha migliorato la prestazione cronometrica al pomeriggio, firmando l’1’17”284 con gomma C4 che vale la terza prestazione.

F1, Arrivabene: 'Forza Ferrari, il campionato è lungo'

MAZEPIN, DAL TESTACODA AL GIRO VELOCE

Chiude alle spalle di Alexander Albon, secondo in 1’17”079 ottenuto con la stessa mescola del ferrarista, ben staccato dall’1’15”775 di Nikita Mazepin, realizzato con gomma C5.

Il russo ha debuttato sulla Mercedes W10 non senza intoppi, protagonista al mattino di un testacoda in curva 11, nel terzo settore di pista. Ha causato la terza bandiera rossa della sessione mattutina, dopo gli stop di Dan Ticktum rimasto appiedato dalla Red Bull in curva 10 e lo stop di Nicholas Latifi su Williams.

Anche al pomeriggio non sono mancate le interruzioni, una causata da Sergio Sette-Camara, con la McLaren a chiudere anzitempo le prove. Albon, alle 17:51 ha portato a esporre la quinta bandiera rossa di giornata.

LECLERC SVILUPPA LE PIRELLI 2020

Dietro a Mazepin, Albon e Fuoco, si legge il nome di Charles Leclerc, autore di 127 giri con la SF90 destinata allo sviluppo delle gomme Pirelli 2020. Ha girato in 1’17”349, dopo una mattinata chiusa con 73 passaggi e il riferimento dell’1’18”666 da segnare. Kimi Raikkonen chiude il lavoro Alfa Romeo con 110 giri e il quinto crono, realizzato con gomma C4.

Il più attivo in assoluto è stato Mazepin, 128 giri per lui, solo 19 per Sette-Camara, subentrato a Oliver Turvey, a coprire 79 giri al mattino con la McLaren.