Prima di volare alla volta di Montreal, Charles Leclerc si è regalato un assaggio di MotoGP. Al Mugello, come Mattia Binotto, domenica, per seguire il GP d’Italia. Moto che hanno impressionato il pilota monegasco, tanto da farci un pensiero su un futuro test.

Binotto GP Canada: 'Ferrari basta errori, siamo indietro nelle prestazioni'

Al Mugello in F3

“Ho girato al Mugello in Formula 3, ma adesso, essere qui per la prima volta, voglio provare assolutamente una di queste moto. Forse non posso provare subito queste ma, allenarmi in pista con una moto è un obiettivo adesso”, ha raccontato Leclerc.

Obiettivo da tempo libero, posto che le clausole contrattuali consentano di scendere in pista sulle due ruote. Davanti, invece, c’è il Gran Premio del Canada, da affrontare con le armi di questa prima parte di stagione offerte dalla SF90 e l’auspicio di poter ripetere le prestazioni del Bahrain e di Baku, Q3 della qualifica azera a parte.

“Il Gran Premio del Canada ci offre un’occasione in più per cercare di portare a casa un buon risultato. Dobbiamo lavorare al meglio per riuscire a preparare la vettura fin nei minimi dettagli così da poterne estrarre il massimo potenziale.

GP Canada: Pirelli, C4 per qualifiche alternative

La settimana scorsa sono stato a Maranello e ho lavorato al simulatore per preparare e migliorare la vettura e me stesso in vista di questo appuntamento.

Trovo il tracciato molto interessante, perché mette insieme diverse tipologie di curve e un lungo rettilineo sul quale dovrebbe essere possibile effettuare dei sorpassi. Nella scorsa stagione sono riuscito a piazzarmi in zona punti (10°; ndr), quest’anno l’obiettivo è puntare più in alto”, dice Charles.