Non si registrano sostanziali differenza nelle scelte operate dai team sulla ripartizione dei treni di gomme in vista del Gran Premio di Francia.

Pirelli ha nominato la gamma media, dalla dura C2 alla morbida C4, su un circuito che offre tanta aderenza, bassi valori di abrasione e impegna notevolmente la gomma, anche in ragione dei trasferimenti di carico laterali che caratterizzano il settore conclusivo.

Mercedes e Ferrari operano la medesima ripartizione dei treni di mescole e avranno a disposizione 1 set di gomme dure, 3 di medie e 9 di morbide. Red Bull sceglie una leggera differenziazione trai due piloti, ed è Verstappen che avrà un treno in meno di morbide e uno in più di medie.

Differenziazione che caratterizza le scelte effettuate anche da diverse squadre di seconda fascia. Renault potrà valutare il rendimento della gomma dura con Ricciardo, Haas con Grosjean, McLaren con Norris: dati per non andare in gara “alla cieca” e conservare comunque un treno di gomme dure nuove, dovessero entrare in gioco.

Sterzi a parte: Chi vuole una F.1 per voci bianche si dia alla lirica

La selezione delle mescole C2, C3 e C4 vede il debutto della C2 al Le Castellet, sovrapponibile alla gomma media dello scorso anno, quando si corse con Soft, Supersoft e Ultrasoft.

Penalità Vettel: le reazioni dei piloti