Dall’intesa di principio, annunciata la scorsa primavera, a una firma che ufficializza la permanenza di Monza e del GP d’Italia in calendario per i prossimi 5 anni. Registrata la necessaria burocrazia tra ACI e Consorzio del Parco di Monza, il presidente dell’Automobil Club nazionale ha firmato il contratto con Liberty Media.

“Siamo davvero lieti di aver raggiungo un accordo con l’ACI che garantisce la permanenza del GP d’Italia in calendario almeno fino al 2024”, ha commentato Chase Carey.

Le radici storiche della Formula 1, dopo il contratto definito con gli organizzatori a Silverstone, si rinsaldano con l’accordo firmato a Monza. Una firma apposta nel corso dell'evento 90 Anni di Emozioni, a Milano.

“Questo è uno dei quattro Gran Premi che facevano parte del campionato nel 1950 e ancora si trova in calendario. Insieme al GP di Gran Bretagna è l’unico a essersi svolto ogni anno da allora.

Storia, velocità e passione sono parole che i tifosi delle corse associano a Monza. Le sensazioni che si hanno in questo GP sono davvero uniche, come lo è il podio caratteristico”, ha aggiunto l’a.d. della FOM.

Leggi anche: Vettel, GP Italia: Doppietta? Ci proviamo

Lunghe trattative, ripercorse recentemente dal presidente Angelo Sticchi Damiani nella loro complessità, nelle quali ha pesato anche la storia di Monza e del GP d’Italia, che si avvia all’edizione del Centenario dalla realizzazione del tracciato, nel 2022, con annunciati interventi di restyling per modernizzare le strutture.

“Vorrei ringraziare l’ACI e in particolare il suo presidente, Angelo Sticchi Damiani, per gli sforzi compiuti. Quest’accordo quinquennale fa sì che un’altra tessera della Formula 1 del futuro sia adesso al suo posto.

Il campionato sfoggia tante sedi storiche come Monza e anche nuovi paesi, nei quali la già vasta base di tifosi della F1 può crescere”.

TRATTATIVE LUNGHE, ACCORDO MENO ONEROSO

Contratto rinnovato a condizioni migliori rispetto alle richieste insostenibili di 68 milioni di dollari per 3 anni, vincolo dell’era Ecclestone. Serviva contrattare su basi differenti, più favorevoli, ottenute dall’ACI.

E’ come vincere un Gran Premio di Formula 1, uno molto importante e difficile, lottato fino al traguardo, che conta non come uno ma come cinque titoli”, le parole di Sticchi Damiani all’ufficializzazione dell’accordo.

“E’ con grande soddisfazione che do il benvenuto alla conclusione dell’accordo tra ACI e Formula 1, che assicura la presenza in calendario peri prossimi 5 anni del GP d’Italia e che si corra nel Tempio della Velocità: Monza.

Un gran risultato per l’ACI, per Monza, per la Regione Lombardia e lo sport italiano in generale, che apre una prospettiva di 5 anni per costruire un futuro che incontri il passato leggendario che ha reso Monza la capitale mondiale del motorsport.

È stato un viaggio impegnativo per arrivare a questo risultato ed è una di quelle corse vinte che fanno dimenticare qualsiasi rischio,sforzo e lasciano dentro grande gioia e un desiderio incontrollabile di festeggiare”.