Cesare Fiorio è stato colto ieri da un malore mentre si trovava in bicicletta nelle campagne di Ceglie Messapica (Brindisi) e ora è ricoverato in prognosi riservata nel reparto anestesia e rianimazione dell'ospedale Perrino di Brindisi, dove è arrivato in codice rosso con ferite alla testa e alle braccia. È da qualche anno che Fiorio si è trasferito in Puglia, dove oltre a gestire la masseria Camarda e le sue coltivazioni biologiche, si dedica la passione per la bicicletta, percorrendo almeno una trentina di chilometri al giorno.

A quanto si è appreso, nel tardo pomeriggio di ieri Fiorio si trovava in contrada Natalicchio sulla strada provinciale tra Carovigno e Ostuni. Alcuni passanti lo avrebbero trovato a terra privo di sensi e lo hanno soccorso, chiamando anche un'ambulanza del 118, dopodiché è arrivata la polizia municipale di Ceglie (comune di cui Fiorio è cittadino onorario) per gli accertamenti del caso. Impossibile, per ora, stabilire la natura e la dinamica dell’incidente.

Fiorio, 78 anni il prossimo 26 maggio, è uno dei personaggi più importanti del motorsport italiano. Si deve a lui la fondazione della High Fidelity, il reparto corse della Lancia, con cui ha vinto sette titoli costruttori nel mondiale rally, a cui si aggiungono i tre vinti con Fiat e i cinque titoli piloti, senza dimenticare i tre mondiali endurance vinti con la Lancia.

Tutto questo prima di passare alla Ferrari, dove è stato direttore sportivo della scuderia di Formula 1 dal 1989 all’inizio del 1991, ottenendo 25 podi e 9 vittorie in 36 gran premi, sfiorando anche il titolo nel 1990. Dopo l’esperienza a Maranello è rimasto ancora in F1 fino al 2000, chiudendo la carriera di dirigente alla Minardi.