Questo giovedì festivo del Motor Show ha visto un'ottima affluenza di pubblico a riempire le tribune per gustarsi la prima sfida di stampo rallistico, sul tracciato dell'Area 48 Motul Arena in versione doppia, cioè mista terra-asfalto. Potendo così applaudire il successo di Paolo Andreucci che con la sua Peugeot 208 T16 di classe R5 ha battuto la Skoda Fabia guidata da Max Rendina. A rendere incerta la sfida ha contribuito un errore al primo via di Andreucci, rimasto al palo per qualche secondo, ma rifacendosi ampiamente nel secondo round e sul giro veloce che, ricordiamo, fa da discriminante.

«Ho fatto un po' di confusione con il sistema, non ho schiacciato tutti i pulsanti che dovevo schiacciare - ironizza Andreucci nello spiegare il motivo della "falsa partenza" del primo round - ma poi ho recuperato ed è stato bello vincere in questa occasione, in cui vedi il pubblico così vicino che ti applaude». Da parte sua, Rendina se ne fa una ragione: «Arrivare secondo dietro a un pluricampione come Paolo era onestamente il massimo che potevo fare oggi, quindi va bene così, sono soddisfatto di come è andata la gara».

Dopo una giornata in cui il pubblico si è entusiasmato anche per le prodezze dello stunt motociclista Kevin Carmichael e per la gara Superquad, la nebbia è scesa di botto per le finali dei trofei Rally Terra Yokohama e Rally Junior-R2, a creare un'atmosfera ancor più suggestiva ma non certo facile. In questa situazione Pablo Biolghini (Peugeot 208) ha battuto Alessandro Battaglin (Mitsubishi Lancer) fra i "Terra", mentre Lorenzo Grani svetta su Tommaso Ciuffi fra gli Junior (tutti su Peugeot).

Le attività agonistiche dell'Area 48 Motul Arena continuano venerdì 9 con le WRC, le Suzuki del trofeo, le Polaris side-by-side e le Supermoto, sempre intervallate dai test drive e dalle esibizioni dello stunt Carmichael. Qui il programma completo delle gare dell'Area 48.