Pubblico delle grandi occasioni per la chiusura dell’edizione “restart” del Motor Show, quella del quarantennale. Che come tradizione ha visto nell’ultimo weekend la disputa del Memorial Bettega: una gara con grandi assi del rallismo internazionale, ma nella quale il vincitore del Trofeo Pucci Grossi di sabato sera, Thierry Neuville, non è riuscito ad andare più in là del 4° posto lasciando il 3° a Paolo Andreucci (Citroën DS3) dopo una cappottata in semifinale con la sua Hyundai i20 (ha poi corso con quella di Fabio Andolfi). Questo dopo che già Alessandro Bettega era stato autore di un ribaltamento con la sua Fiesta. 

La finalissima se la sono dunque giocata il giovane Elfyn Evans e l’ancor più giovane finlandese Kalle Rovanpera, entrambi su Ford Fiesta, ma è stato il britannico ad aggiudicarsela vincendo 3 round contro 1 (al meglio dei 5). «È stato davvero bello e divertente - ha dichiarato a fine gara Evans - anche perché la pista mi è piaciuta parecchio come pure vincere davanti a tutto questo pubblico». «Anch’io mi sono divertito - è stata la risposta di Neuville - peccato solo per l’incidente… ma anche questo è stato ok per lo show».

Sfruttando solo la parte esterna asfaltata del tracciato nell’Area 48 alias Motul Arena, questa domenica conclusiva del Motor Show hanno corso anche le Lamborghini SuperTrofeo. Fra queste si è imposto Vito Postiglione nonostante un testacoda in semifinale che aveva rischiato di compromettere la sua prestazione. «Anche questa volta è stato davvero un grande divertimento e un grande show, qui a Bologna, ma penso che questo lo sappiamo tutti già da tempo», è stato il commento finale del pilota dell’Imperiale Racing dopo aver battuto Nicolas Costa sulla Huracan del team di Vincenzo Sospiri.

A chiusura della manifestazione si sono infine svolte le finali delle Autostoriche da rally. In questo caso, fra le 2RM ha vinto Domenico Guagliardo con la Porsche 911 SC RS, mentre fra le 4RM ha primeggiato Salvatore Riolo con la Subaru Legacy RS.