È stata una gara decisamente bizzarra quella che ha aperto il weekend di Spa per il campionato GP3. Una corsa dominata dalla Safety-Car (incidente al Radillon a Mardenborough) e poi dalla Virtual Safety Car (Visser ferma a bordo pista e poi un contatto al restart tra Tuscher e Stuvik). Sono stati quindi pochissimi i giri di agonismo puro che hanno permesso a Esteban Ocon di tagliare per primo il traguardo. Il francese della ART si è subito portato al comando dalla prima fila beffando il poleman Luca Ghiotto, scattato lentamente. L’italiano, capoclassifica della GP3, è sfilato quarto, ma ha subito avviato una bella rimonta duellando con Kevin Ceccon e poi superando Emil Bernstorff.Ma nel confronto con Ceccon, il pilota della Trident ha urtato in uscita dalla variante finale la gomma posteriore sinistra della Dallara Arden, provocandone una foratura. Ghiotto è quindi stato penalizzato di 5” sulla classifica finale di gara mentre Ceccon si è dovuto ritirare. Purtroppo, il vicentino non ha potuto far nulla per tentare di allungare sugli inseguitori, come avrebbe potuto, per via delle VSC. Tra l’altro, al restart dall’ultima situazione di “congelamento”, Ghiotto è stato superato da Bernstorff. Sul traguardo finale sono così transitati Ocon, Bernstorff, Ghiotto, ma retrocesso sesto. Terzo è così salito Kirchhofer davanti a un buon Fuoco, che ha ritrovato la zona punti col quarto posto, e ad Eriksson, che ha scontato il drive through comminatogli per essersi mosso prima al via mentre vi era la VSC. Cosa che non dovrebbe essere consentita e quindi vedremo se i commissari interverranno in merito. In campionato Ghiotto rimane leader con 135 punti, Ocon 121, Kirchhofer 113. Massimo Costa _L0U0666 _SBL8596