da Adria: Fiammetta La Guidara Due gare piene di colpi di scena nell’Italian F.4 Championship Powered by Abarth, giunto al secondo round. Nelle prime due delle tre manches eliminatorie le vittorie parlano spagnolo con le affermazioni del venezuelano Mauricio Baiz e il messicano Raul Guzman. Sul podio di gara 1 sono saliti il brasiliano Joao Vieira (Antonelli Motorsport) e il giovane rookie italiano Simone Cunati (Vincenzo Sospiri Racing). In gara due, sul secondo gradino del podio il cinese Ye Yifei (Muche Motorsport) che ha preceduto il suo compagno di squadra Mauricio Baiz, già vincitore in gara 1. Domani, dopo la terza manche eliminatoria, sarà il tempo del gran finale con 31 monoposto in pista sul tracciato rodigino. Nella prima manche si parte con il Gruppo B contrapposto al Gruppo C e il poleman della Series 1 delle qualifiche di ieri, Mauricio Baiz, scatta senza problemi al comando, che terrà per tutti i 25 minuti (+ 1 giro) della corsa. Dietro Baiz, Simone Cunati (Vincenzo Sospiri Racing) rimane costantemente a 6-8 decimi di distacco, tallonato da vicino da Joao Vieira (Antonelli Motorsport), che al giro 15 approfitta di un errore dell'italiano per andare a prendersi il secondo gradino del podio. Quarto chiude Yan Shlom (RB Racing), quinto il vincitore della Gara Finale di Misano, Marcos Siebert (Jenzer Motorsport), seguito da Richard Verschoor (Bhaitech) 6°. Quindi Giuliano Raucci (Diegi Motorsport) 7°; Federico Malvestiti (Antonelli Motorsport) 8°; Lorenzo Colombo (BVM Racing) 9°; Aldo Festante (Kfzteile24 Mücke Motorsport), 10°. Gruppo A contro Gruppo B per Gara 2, con Raul Guzman (DR Formula) che in pole position, al via, lascia troppo bruscamente la frizione. Non ha quindi un avvio felice e si fa superare da Mauricio Baiz. Le posizioni si invertono nuovamente al 9° giro, quando Baiz, in difficoltà con le gomme, rallenta il ritmo: così il messicano Guzman andrà a vincere indisturbato. La battaglia non è però terminata e a tenerla viva è soprattutto il cinese Ye Yifei (autore anche del giro più veloce in 1'15"322), che riesce a superare Joao Vieira (alla fine 4°) al 16° giro e si mette all'inseguimento di Baiz (che dichiara di aver avuto problemi al cambio nel corso degli ultimi giri): il sorpasso decisivo avviene all'ultima tornata. Quinto posto per il brasiliano Giuliano Raucci (Diegi Motorsport), che guadagna tre posizioni rispetto alla partenza e chiude davanti a Ian Rodriguez (DRZ Benelli), 6°: per quest'ultimo c'è la soddisfazione del primo posto nel Rookie Trophy. Settima piazza per Kush Maini (BVM Racing), davanti all'italiano Giacomo Altoè (Bhaitech), che sopravanza, dopo un bel duello, Yan Shlom (11° sotto la bandiera a scacchi). In nona posizione chiude Diego Ciantini (Jenzer Motorsport). Dietro di lui l'olandese Leonard Hogenboom della Cram Motorsport. Nel Trofeo Rookie, prima posizione - come già scritto - per Ian Rodriguez, secondo Kush Maini, terzo Giacomo Altoè. Domani si disputa la terza manche eliminatoria che precede la gara finale.