Alex Zanardi è inossidabile. Reduce dalle medaglie d'oro ai Giochi Paralimpici di Rio (e alle sue imprese abbiamo dedicato l'ultima copertina di Autosprint in edicola), il bolognese è pronto a tornare in pista per festeggiare nel migliore dei modi i suoi 50 anni, che cadono il prossimo 23 ottobre. La notizia era nell'aria e già durante la conferenza tenuta al BMW Next 100 Festival di Monza, aveva anticipato la sua intenzione di riaccendere il motore di una vettura da gara. L'occasione sarà il 7° e ultimo round del Campionato Italiano Gran Turismo, in programma al Mugello dal 14 al 16 ottobre prossimi.

Il campione bolognese, pilota ufficiale e ambasciatore del marchio BMW, sarà al via delle ultime due gare della stagione al volante della M6 GT3 con i colori di BMW Italia, gestita da ROAL Motorsport e modificata espressamente dalla BMW Motorsport. La vettura sarà schierata unitamente a quella dell'equipaggio Comandini-Cerqui, già protagonista dei sei appuntamenti disputati nel corso di questa stagione.

Per Zanardi il prossimo appuntamento di Scarperia, preceduto da una giornata di test il 4 ottobre, sarà un rientro nei campionati Aci Sport, dove si era laureato Campione Italiano Superturismo nel 2005 sempre con i colori BMW,  e un ritorno alle competizioni  automobilistiche dopo l’ultima apparizione alla 24 Ore di Spa del 2015 al volante della BMW Z4.

Dico sempre che la mia vita è un privilegio senza fine che mi permette di fare così tante cose e questa stagione ne rappresenta un classico esempio”, ha detto Zanardi. “Prepararmi per Rio de Janeiro, avvicinarmi ai miei 50 anni, poter non soltanto gareggiare in maniera competitiva, ma anche vincere quello che ho vinto, è una cosa eccezionale. Ma, al di sopra di tutte queste cose, potrò ancora una volta avere il privilegio di tuffarmi nella mia prima passione: stare al volante di una grande auto da corsa. Da quando ho visto la bellissima BMW M6 GT3 nell’officina di Monaco, ho sognato di guidarla. E ora BMW mi concede la possibilità di farlo su uno dei miei circuiti preferiti: il Mugello. Quindi, ringrazio tutte le persone a Monaco che si sono rese disponibili per lavorare su questo progetto e ringrazio anche BMW Italia per avere pensato a questa possibilità. Voglio infine ringraziare tutti coloro che sono coinvolti nel Campionato italiano GT e che mi hanno dato il benvenuto nel loro mondo. Quindi sono veramente felice e non vedo l’ora di impugnare il volante e di guidare al massimo delle mie possibilità”.