Primo assaggio di quel che sarebbe potuto essere, quest'anno, per Felipe Massa. Ha girato al volante di una Jaguar I-Type, la monoposto di Formula E del team inglese, sviluppata con il supporto tecnologico di Williams Advanced Engineering.

«Vorrei ringraziare Panasonic Jaguar Racing per avermi offerto questa opportunità. E' stato bello provare una macchina di Formula E, è completamente diversa da qualsiasi altra cosa abbia guidato in passato. La potenza, i freni, le gomme e il carico aerodinamico fanno sì che richieda uno stile di guida differente. Sono felice dell'esperienza e di quello che ho imparato. E' stata una giornata davvero divertente», ha commentato Massa, avvicinato più volte a un impegno in Formula E dopo la conclusione della sua carriera in Formula 1, salvo poi tornare sui propri passi e accettare l'offerta di Williams di un ritorno in sostituzione di Valtteri Bottas.

La serie elettrica sfoggia un buon numero di partenti con un bagaglio d'esperienza in Formula 1, tra i quali Nick Heidfeld. Restano due mondi diversi e per il tedesco non è il caso di parlare di vera alternativa alla categoria regina: «Quando abbiamo iniziato, credevo la Formula E sarebbe stata ideale per un pilota con un background simile al mio, adesso, però, con l'arrivo di giovani di talento, come il mio compagno di squadra Rosenqvist, credo che se non costituisce una vera alternativa, è assolutamente un importante sbocco per quanti, per motivi economici, non hanno una concreta possibilità di arrivare in Formula 1. Il nostro campionato può iniziare a considerarsi come un trampolino di lancio nello sviluppo di una carriera».