IMOLA. I campioni 2016 Mirko Venturi e Stefano Gai hanno inaugurato la stagione del Campionato Italiano Gran Turismo, centrando il successo con la Ferrari della Black Bull Swiss Racing nella prima delle due gare dell'appuntamento d'apertura di Imola. Una gara che ha comunque evidenziato un certo equilibrio, almeno tra le vetture di Maranello e le Lamborghini, con la Huracán di Michele Beretta e Alex Frassineti (Ombra Racing) seconda al traguardo, davanti alle altre due 488 Gt3 divise dal poleman Matteo Malucelli e Eddie Cheever III e da Jaime Melo e Niccolò Schirò.

Poi ancora una Lambo, quella di Daniel Zampieri e Riccardo Agostini, sempre a stretto contatto con le altre vetture di testa. Con la pista leggermente bagnata, al via Malucelli è andato subito al comando, subito tallonato da Venturi. La Audi di Benoit Treluyer, un poco più distanziato in terza posizione, ha dovuto invece guardarsi dagli attacchi di Frassineti. Zampieri ha invece inizialmente conservato la sesta posizione alle spalle di Melo. Stefano Comandini, autore di un ottimo avvio con la Bmw M6 Gt3, dopo avere superato le due Huracán di Bar Baruch e Zampieri è finito lungo alla variante bassa ed è retrocesso ottavo. Al quarto giro nello stesso punto l'errore di Treluyer, che si è girato riuscendo tuttavia ad evitare l'impatto contro le barriere e riprendendo nono.

La situazione è rimasta invariata fino al momento dei cambi. In questa fase Gai, che ha rilevato alla guida Venturi, è passato in testa. Poi Beretta (subentrato a Frassineti) ha passato Cheever. Grazie a un sorpasso da manuale, a sette minuti dal termine Lorenzo Veglia ha conquistato con l'altra Lamborghini di Antonelli la settima posizione ai danni di Ghirelli. A tre minuti dalla fine Schirò è saltato sui cordoli delle Acque Minerali, perdendo il contatto da Cheever e venendo riagganciato da Agostini. Negli ultimi istanti il terzetto si è però ricompattato, ma l'ordine al traguardo non è cambiato. Così come per le prime due posizioni, con Beretta distanziato di poco più di un secondo da Gai. Vittoria in Gt3 e 12° posto assoluto per la Porsche di Paolo Venerosi e Alessandro Baccani. Domani a partire dalla pole sarà Schirò, con Gai in prima fila e Agostini e Cheever ad occupare la seconda fila. 

Nella Super Gt Cup tripletta del Vincenzo Sospiri Racing. Dopo avere stabilito la pole al suo debutto sulla Huracán Super Trofeo del team Antonelli Motorsport, il polacco Karol Basz si è involato al comando al via di gara-1 precedendo nell'ordine le altre Lambo di Jia Tong Liang e Antonio D'Amico. Poi Basz ha dovuto pagare un drive through per partenza anticipata. Nei cambi Felipe Ortiz ha rilevato al volante Liang, perdendo però dei secondi preziosi che hanno consentito a Riccardo Cazzaniga (che a sua volta aveva preso il posto di D'Amico) di portarsi al comando. Il pilota brianzolo da quel momento in poi non ha più ceduto la posizione, con la gara negli ultimi minuti rallentata da un safety car. Ottimo il terzo posto ottenuto dall'equipaggio finlandese formato da Tuomas Tujula e Aaro Vainio. Nella Gt Cup successo della Porsche 99 di Enrico Di Leo e "Poppy". Ancora una vittoria Porsche nella Gt4, con il successo della Cayman di Sabino De Castro.