L’aveva anticipato durante la visita ad Amatrice, per portare il suo esempio ai ragazzi colpiti dal sisma, lo ha ripetuto al Mugello, mentre si correva il GT Italiano, proprio dove lo scorso anno aveva colto uno storico successo. Alex Zanardi tornerà a correre con Bmw. Non è ancora stato deciso su che vettura e in quale categoria ma un ritorno al volante è praticamente certo. 

L’inarrestabile Alex è reduce dalla recente impresa nell'Ironman Triathlon, la durissima sfida che prevedeva una gara di nuoto di 3,800 km, una di ciclismo di 180 km e una maratona di 42,192 km, il tutto superato nel tempo record di 8h48'58", ma il motorsport rimane un pensiero fisso: "La mia vittoria dello scorso anno proprio qui al Mugello, ha risvegliato le coscienze a Monaco - ha dichiarato il pilota - Loro mi hanno sempre considerato un pilota ancora capace di girare il volante e ricordo ancora che il direttore di Motorsport Bmw, Jens Marquardt, mi parlò dei vari progetti che avevano in cantiere nei quali mi avrebbero voluto coinvolgere. Fu un pò come chiedere ad un gatto se gli piacciono i topi: la mia disponibilità è stata immediata. Chiuderò il 2017 senza stringere il volante di un'auto da corsa, ma penso proprio che il prossimo anno avrò questa possibilità. Non so ancora se si tratterà di un campionato italiano o internazionale, ma sarò sicuramente alla guida di una vettura Gran Turismo".

Lo scorso settembre Bmw ha presentato al Salone di Francoforte la nuova M8 GTE che correrà nell’Imsa e nel Wec. In quell’occasione i vertici italiani della Casa bavarese non avevano escluso anche la possibilità di far correre Zanardi alla 24 Ore di Le Mans, obiettivo difficile ma non impossibile