Dalle spiagge di Miami della scorsa edizione, la Race of Champions di quest'anno va a disputarsi in un'altra zona sicuramente ricca di sabbia, ma ben diversa: per la prima volta si disputa infatti in Medio Oriente, per la precisione a Riyadh, in Arabia Saudita. Il teatro dell'evento è lo stadio internazionale King Fahad, dove questi venerdì 2 e sabato 3 febbraio si ritroveranno alcuni dei più quotati piloti a livello internazionale per affrontarsi nei classici scontri diretti a eliminazione, alternandosi su diverse auto.

La prima giornata è dedicata alla Nations Cup, ovvero alla sfida per nazioni con piloti divisi a coppie per difendere i colori del proprio Paese. La seconda giornata è invece "individuale" e dedicata alla ROC vera e propria. Le auto con le quali i piloti dovranno dimostrare la propria abilità saranno innanzitutto gli specifici prototipi tubolari realizzati apposta e infatti denominati "Roc Car", ai quali si affiancheranno le biposto spider Vuhl, KTM e Atom, più le macchine della Whelen Nascar e gli Xtreme Pick-up.

Parlando piuttosto dei piloti presenti, troveremo ancora alcuni "aficionados" della gara come Kristensen, Coulthard, Solberg, Montoya (vincitore lo scorso anno) e Castroneves, ma anche stelle nascenti come Norris, nonché una buona rappresentanza di piloti arabi. Non ritroveremo Vettel né Wehrlein: ricordiamo che l'anno scorso Pascal si infortunò in un cappottamento causato dall'infelice scelta di far "incrociare" le due corsie della pista. Quest'anno è invece previsto un ponte, più opportunamente.

Una novità fra i partecipanti è che quest'anno avremo la presenza anche di campioni "elettronici": Rudy van Buren è già nella lista dei partecipanti, e verrà affiancato dal vincitore della eRace of Champions, la sfida virtuale di questo venerdì tra quattro specialisti di "e-gare": su tutti Brendon Leigh, che se la vedrà contro Enzo Bonito, Alexander Dornieden e Kevin Leaune. Anche questa competizione sarà trasmessa "live". Insomma, una voglia di modernizzarsi per questa manifestazione nata nel 1988 e che vedrà. oltre alle gare, una serie di spettacoli collaterali di stunt e altro, nonché concorsi vari.

PILOTI PRESENTI
Juan Pablo Montoya
Helio Castroneves
Timo Bernhard
René Rast
Tom Kristensen
Petter Solberg
Josef Newgarden
Ryan Hunter-Reay
David Coulthard
Lando Norris
Johan Kristoffersson
Joel Eriksson
Memo Rojas
Abraham Calderon
Khalid Al Qassimi
Khaled Al Qubaisi
Yazeed Al-Rajhi
Karl Massaad
Rudy Van Buren
vincitore eROC