Trecento Huracàn da competizione in tre anni. Non certo un risultato scontato per un marchio come Lamborghini, tanto prestigioso e famoso quando si tratta di sportive stradali, tuttavia relativamente nuovo alle corse. Perlomeno se paragonato a Ferrari, McLaren e Porsche. E a maggior ragione considerando i prezzi: 235.000 euro più tasse per una Super Trofeo Evo e 359.000 euro più tasse per una GT3.

Cosicché il totale evocativamente spartano e combattivo rappresenta un risultato ancor più notevole. La numero 300 è nata il 15 marzo, una Huracàn Super Trofeo Evo, ovviamente partorita dalla linea di produzione di Sant'Agata Bolognese, madre di tutte le Lambo.

Che verrà presto raggiunta da altre 70 sorelle, da consegnare entro al fine del 2018 ai clienti di tutto il mondo per correre nei monomarca Lamborghini. Al loro fianco, contribuendo alla quota 300, le GT3, modello destinato alle competizioni GT, realizzato in 70 unità dal 215 ad oggi, e che ha già conquistato ben 10 titoli internazionali e la 24 Ore di Daytona di categoria.

"Nel 2017, per il settimo anno consecutivo, Automobili Lamborghini ha segnato il record di modelli stradali prodotti, con 3815 unità consegnate. Altrettanto straordinario è il numero di vetture da competizione che la Squadra Corse ha realizzato in soli tre anni dal lancio delle Huracán Super Trofeo e Huracán GT3, a riprova che il trend di crescita del nostro marchio è decisamente positivo anche nei confronti dei clienti motorsport.” ha dichiarato il presidente Lamborghini, Stefano Domenicali.

“Il fatto di costruire le vetture da corsa applicando il medesimo modello della produzione di serie è un valore aggiunto considerevole – commenta Maurizio Reggiani, Chief Technical Officer del marchio -. In questo modo vengono ridotti i tempi di produzione e vengono garantiti i più elevati standard di controllo e qualità, che nel caso di una vettura da competizione si traducono in una maggiore affidabilità in pista”.