Si è aperta all’insegna di Lando Norris la nuova stagione del FIA Formula 2 Championship. Il diciottenne pilota di Bristol, scattato dalla pole position, ha dominato la Feature Race disputata sul circuito di Sakhir. Dopo aver distanziato sin dalle prime fasi di gara tutti i suoi rivali, il pilota junior della McLaren ha un po’ alzato il piede soltanto nel finale, dopo aver comunicato via radio qualche anomalia nel funzionamento del motore.

Alle spalle del rookie inglese, che in molti già pronosticano come possibile successore di Charles Leclerc, il brasiliano Sergio Sette Camara ha ben difeso la piazza d’onore dagli attacchi dell’esperto moscovita Artem Markelov, autore di un ottimo recupero dopo essere scattato dalla corsia box. Ai piedi del podio hanno chiuso i britannici Alex Albon e George Russell, che ha perso tempo al via e non ha ben sfruttato la posizione in prima fila. Il team Prema Racing ha colto la sesta e settima posizione rispettivamente con Nyck de Vries e Sean Gelael, che nella manche che si disputerà domani scatterà dalla prima fila accanto a Maximilian Guenther.

L’esordio stagionale non ha visto brillare i piloti italiani. L’esito della corsa di Luca Ghiotto, dodicesimo al traguardo, è stato condizionato da un discusso drive-through subìto dal pilota di Arzignano a causa di un contatto con il nipponico Tadasuke Makino. Antonio Fuoco, afflitto da problemi al motore sin dalle prime prove libere, ha stallato al via per un calo di potenza. Nel corso della gara il portacolori del Ferrari Driver Academy ha poi tenuto un buon ritmo, pur manifestando problemi di velocità massima che gli hanno impedito di andare oltre la diciassettesima posizione finale. Fuori dalla zona punti anche il duo del Team Trident, con l’indiano Arjun Maini in evidenza per un buon ritmo gara, ma rallentato da un problema al cambio gomme. I nostri portacolori potranno prontamente rifarsi nella Sprint Race, che scatterà domani alle ore 14:15 locali.