Prima di incoronare Lewis Hamilton, scenario possibile già tra 10 giorni, a Austin, c’è un’altra sfida in dirittura d’arrivo. Formula 3 europea, in quel di Hockenheim, un week end con tre contendenti ancora in lotta, sebbene solo la matematica tenga vive le speranze di Marcus Armstrong. Tre gare per decidere chi, tra Mick Schumacher, Daniel Ticktum porterà a casa il titolo. Potrebbe essere sufficiente già gara-1, sabato, per chiudere i giochi.

Schumacher parte con 49 punti di margine su Ticktum e 75 ancora in palio. Basta poco per capire come il pilota tedesco abbia saldamente in mano il campionato. Due alfieri Prema Theodore Racing contro l’inglese di Motopark, Ticktum che dopo lo sfogo nei confronti di Schumacher, a suo avvantaggiato dal cognome che porta, riporta i commenti alla realtà e dice: La mia stagione è vissuta su alti e bassi, come spesso accade, ma con l’eccezione di poche gare il nostro ritmo è sempre stato buono. Darò il massimo nel week end conclusivo, le possibilità di vittoria del titolo sono ancora vive ma credo che siano i piloti Prema i favoriti. Prema ha trovato qualcosa nelle precedenti gare perciò credo sarà difficile batterli, tuttavia, ci proverò”.

Dovrà a tutti i costi concludere gara-1 davanti a Mick Schumacher, perché i giochi non finiscano al primo dei tre appuntamenti in programma a Hockenheim. Schumacher che vive l’avvicinamento sulla spinta dei risultati ottenuti, le 8 vittorie maturate nelle ultime 13 uscite in pista, da gara-3 di Spa a gara-3 di Spielberg: “Sono davvero felice della stagione che ho disputato finora, specialmente della seconda metà. È stato il momento nel quale è stato ripagato il duro lavoro iniziato prima che partisse la stagione. Non serve dire che, adesso, faremo di tutto perché le nostre prestazioni siano allineate a quelle delle precedendi gare.

Sterzi a parte: La Ferrari deve imparare a convivere col problema Vettel

Sebbene arriviamo al finale di stagione e le mie prospettive di vittoria  del titolo siano rosee, mi concentrerò solo sulla prossima gara prima di fare il passo successivo. Tutto il resto verrà da sé”.

Molto più difficile, al limite dell’impossibile, che tra i due contendenti sia il terzo a trionfare. E Marcus Armstrong, giovane “kiwi” di Ferrari Driver Academy, non si illude: “La mia stagione è stata un correre sulle montagne russe, a una giornata perfetta poteva seguirne una davvero difficile. Ho avuto molta sfortuna ma ho anche festeggiato diverse vittorie col team. Ho ancora, in teoria, delle opportunità di vittoria del titolo di Formula 3 e farò del mio meglio per centrare l’obiettivo, poi dovremo aspettare e vedere quale posizione mi porteranno tutti questi sforzi”. Armstrong terzo anche nella graduatoria riservata ai rookie, con Shvartzman davanti a Vips, ancora in un confronto Prema-Motopark.

Formula 1, l'Honda positiva incoraggia Horner