Il trentunenne pilota tedesco dell’Audi René Rast, campione in carica della categoria, si è aggiudicato la prima manche nella “Grosse Finale” di Hockenheim, atto conclusivo della stagione del DTM, precedendo sotto la bandiera a scacchi la vettura gemella del rookie olandese Robin Frijns, autore di un ottimo recupero nelle fasi finali di gara. Sul gradino più basso del podio è salito il driver della BMW Timo Glock, che ha preceduto il nuovo capoclassifica Gary Paffett.

Il trentasettenne pilota britannico di Uli Fritz, che nelle fasi centrali ha guidato la manche, nel finale è andato in crisi con le gomme. Il portacolori dell’ AMG, grazie alla quarta posizione, ha sopravanzato al vertice della graduatoria di campionato Paul di Resta, soltanto ottavo. Sono sei i punti che separano i due alfieri della Casa della Stella al vertice della classifica generale.

Grazie al sesto successo stagionale, il quinto consecutivo, René Rast si è avvicinato ai due piloti Mercedes, ma ancora quindici punti lo separano dal capoclassifica in una rimonta che fino a poche settimane fa pareva impensabile. Rast è stato molto abile nel sopravanzare Gary Paffett dopo il cambio gomme e, dopo un’intensa battaglia con il rivale che ha spesso portato a un cambio di posizioni, a prendere il largo. Nemmeno l’intervento della safety-car, scesa in pista per consentire ai commissari di rimuovere una portiera della vettura di Augusto Farfus rimasta in traiettoria, ha consentito a Paffett di riprendersi il primato.

Soltanto ottavo ha chiuso il precedente leader della graduatoria Paul di Resta, mentre il nostro Edoardo Mortara ha artigliato l’ultimo posto nella top-ten dopo aver compiuto un’escursione nella sabbia della curva Sachs. Come da tradizione, il campionato si risolverà soltanto all’ultimo giro della manche conclusiva, oggi dalle 13:30.