"Uno-due" del team Imperiale Racing, nella prima gara di Misano che si è disputata sabato in notturna. A inaugurare il secondo appuntamento del Lamborghini Super Trofeo Europa, è stato l'equipaggio formato da Vito Postiglione e dal ventenne Kikko Galbiati, quest'ultimo pilota dello Young Drivers Program e al suo primo successo assoluto nella serie riservata alle Huracán Super Trofeo Evo.

Dietro di loro hanno concluso i compagni di squadra Karol Basz e Bartosz Paziewski, con il primo autore della pole e leader durante il suo "stint" di guida iniziale. Danny Kroes e Sergei Afanasiev hanno completato il podio con i colori della Bonaldi Motorsport.

Grazie anche al terzo e secondo posto conquistati nel round d'apertura di Silverstone dello scorso maggio, Postiglione e Galbiati sono balzati in testa alla classifica della classe Pro. Un'affermazione frutto di una strategia perfetta, con Postiglione che è scattato dalla prima fila, rimanendo costantemente attaccato a Basz e riuscendo a sfruttare bene una neutralizzazione resasi necessaria prima dei pit-stop a causa dell'uscita di pista di Josef Zaruba. Quindi Galbiati, salito in macchina nel corso delle soste, è stato abile a operare il sorpasso decisivo nei confronti di Paziewski a un quarto d'ora dalla conclusione, rimanendo poi al comando fino all'arrivo.

In Pro-Am, primo successo della stagione per Harald Schlegelmilch e Shota Abkhazava (ArtLine Team Georgia), dopo che a guidare nelle fasi iniziali era stato il rientrante Luca Demarchi, che si è alternato al volante di una vettura della GT3 Poland con Grzegorz Moczulski. Ritiro eccellente dopo neppure un giro, quello di Piero Necchi (settimo assoluto nel proprio turno di prove ufficiali), in equipaggio sulla vettura n.55 del team Imperiale Racing con Loris Spinelli.

Profeta in patria nella classe Am è stato Raffaele Giannoni, in forza al team Automobile Tricolore. Primo successo di quest'anno nella Lamborghini Cup per Gerhard van Der Horst, dopo un arrivo in volata con la vettura della Semspeed divisa dai fratelli François e Benoît Semoulin, in Inghilterra due volti primi. A fare il suo ritorno sul podio della stessa classe, è stato infine Josè Collado (AGS Events).

Nel pomeriggio, alle ore 15.40, prenderà il via Gara 2, sempre della durata di 50 minuti, con la partenza lanciata e il pit-stop obbligatorio da effettuarsi tra il ventesimo e il trentesimo minuto. Ad avviarsi dalla pole questa volta sarà Spinelli, sabato autore del miglior tempo nella seconda sessione di qualifica proprio davanti al suo compagno di squadra Galbiati. Appuntamento con il live streaming sulla pagina Facebook e il canale YouTube di Lamborghini Squadra Corse.

Parola ai protagonisti

Kikko Galbiati (1. assoluto e Pro): "Abbiamo costruito bene questo successo. Anche grazie all'ottimo lavoro svolto dal team, che ha letteralmente stravolto la macchina più volte nelle libere ed in qualifica, per adattarla al meglio alle difficili condizioni del tracciato, con tanto caldo. Ho iniziato la mia avventura in Lamborghini a Valencia, nel 2016, conquistando in quella occasione una vittoria di classe. Dopo tre anni è finalmente arrivato anche questo primo successo assoluto".

Shota Abkhazava (1. Pro-Am): "È stata una gara molto dura e combattuta. Abbiamo dato il meglio. La squadra ha fatto un ottimo lavoro, così come Harald [Schlegelmilch], sempre velocissimo. Sono molto contento di questo primo successo".

Raffaele Giannoni (1. Am): "Sono stato davanti nelle libere, in qualifica e poi anche in gara. Ho provato a non pensare al grosso "botto" che ho avuto proprio qui lo scorso anno in prova. Avevo un debito con Misano e sono riuscito a riscuoterlo".

Gerhard van Der Horst (1. Lamborghini Cup): "Non è stato facile, con la vettura dei Semoulin alla fine distanziata di un solo decimo. Una Gara 1 molto tirata, che promette grande lotta anche per la seconda di questo pomeriggio".

Gara 2

A conquistare un doppio successo nel secondo appuntamento del Lamborghini Super Trofeo Europa, sono stati Kikko Galbiati e Vito Postiglione, che dopo essersi imposti nella prima gara del sabato che si è disputata in notturna, hanno concesso il "bis" domenica consolidando anche la propria leadership nella classifica Pro. Dietro di loro, due volte secondo ha chiuso l'equipaggio formato dai polacchi Karol Basz e Bartosz Paziewski, che hanno nuovamente assicurato una doppietta al team modenese.

Una condotta regolare, ha ancora una volta premiato con il gradino più basso del podio Sergei Afanasiev e Danny Kroes, terzi sia nella prima che nella seconda gara con i colori della Bonaldi Motorsport. Quarto posto assoluto in Gara 2 per i rientranti Loris Spinelli e Piero Necchi, costantemente al "top" nella Pro-Am. Il primo, autore della pole nella seconda sessione di qualifica, non ha avuto alcuna esitazione al "pronti via", mantenendo la posizione di testa fino al momento dei pit-stop, nonostante un breve periodo di neutralizzazione che ha avuto l'effetto di ricompattare il gruppo. Galbiati, scattato dalla prima fila, è stato inizialmente sfilato da Stuart Middleton, per poi tornare nuovamente secondo. Posizione quest'ultima in cui ha lasciato il volante nel corso delle soste a Postiglione, subito autore del sorpasso nei confronti di Necchi. Alle sue spalle è progressivamente risalito Basz, che ha rilevato Paziewski.

Un drive through per non avere rispettato il tempo minimo di permanenza ai box, ha reso vano l'ottimo lavoro svolto nel suo "stint" iniziale da Jonathan Cecotto, sempre nel gruppo di testa, così come il suo compagno Davide Venditti, salito sulla macchina del team Target Racing nel corso dei cambi e alla fine decimo assoluto.

Necchi alla fine ha concluso quarto, portando a casa assieme a Spinelli il successo di classe ed un'ennesima affermazione per la Imperiale Racing. Dietro di lui Niels Lagrange e Anthony Lambert, quinti con i colori della Leipert Motorsport. Jack Bartholomew, che ha preso il posto di Middleton, è scivolato settimo, dietro alla coppia del team Konrand Motorsport formata da Axcil Jefferies e Vincent Schwartz. Secondo posto nella Pro-Am di Shota Abkhazava e Harald Schlegelmilch, i quali si erano imposti in Gara 1 con la vettura dell'ArtLine Team Georgia, confermandosi al comando nella propria classe.

In Am, primo successo della stagione per Jake Rattenbury e Mikko Eskelinen (Leipert Motorsport), mentre Nicolas Gomar, secondo al traguardo con la Huracán Super Trofeo Evo della AGS Events, è ancora primo in campionato. Dopo il weekend di Silverstone avaro di risultati, Joseph Collado è tornato a vincere nella Lamborghini Cup. Grazie anche al successo di sabato è Gerard van Der Horst a guidare la classifica.

Lo spettacolo del Lamborghini Super Trofeo Europa tornerà tra sole due settimane (12, 13 e 14 luglio), quando sarà il circuito olandese di Zandvoort ad ospitare il terzo dei sei appuntamenti della stagione.

La voce dei protagonisti

Vito Postiglione (1. assoluto e Pro): "Quella di oggi è stata una gara davvero difficile. Il mio compagno di squadra Karol Basz ne aveva sicuramente di più. Ho cercato a stare attento a non fare errori. Lui ci ha provato, ma tra di noi c'è stato grande rispetto".

Piero Necchi (1. Pro-Am): "Loris [Spinelli] è un professionista e lo ha dimostrato completando la sua prima parte di gara davanti a tutti, senza alcun problema. Da parte mia, dopo nove mesi di assenza, con il caldo e senza allenamento, ho fatto tutto quello che potevo. Comunque sia, sono riuscito a prendermi una bella soddisfazione".

Mikko Eskelinen (1. Am): "Ieri avevamo avuto qualche problema. Pertanto la vittoria di oggi ha un sapore particolare. Con Jake [Rattenbury] abbiamo fatto un gran lavoro, così come lo ha fatto tutto il team".

Joseph Collado (1. Lamborghini Cup): "A Silverstone ho avuto un weekend difficile. Nella gara di ieri non eravamo ancora a posto con la vettura. Pertanto, questa vittoria di oggi era più che mai attesa. Adesso si riapre il campionato".