Will Power ed il Team Penske dominano ad Indianapolis, nella gara sul tracciato stradale dello Speedway che fa da antipasto per la Indy 500. Dopo aver dominato le libere, la squadra del Capitano ha portato quattro delle proprie vetture al Q3 segnando la 250esima pole nella propria storia. A prevalere è stato l’australiano con il record della pista (già suo) ed una nuova pole che spera finalmente di poter concretizzare in gara. A seguire, i compagni di colori Helio Castroneves e Josef Newgarden mentre Scott Dixon ha rappresentato al meglio il team Ganassi su una pista che non ha mai portato per lui grandi risultati: è comunque l’unico pilota ad essere entrato tra i “Fast Six” in tutte le gare disputate finora.

Si è mostrato subito in forma invece Juan Pablo Montoya, rientrato sempre col team Penske per un anticipo della 500 Miglia. Il colombiano ha centrato l’accesso al turno decisivo (cosa tra l’altro non riuscita al campione in carica Simon Pagenaud) chiudendo a due soli millesimi dal neozelandese. Alle sue spalle il vincitore di St. Petersburg Sebastien Bourdais, che continua a trarre il meglio dalla vettura di punta del team Coyne a cui tuttavia manca ancora qualcosa per essere al pari delle migliori rivali. Fuori al secondo turno anche Ryan Hunter-Reay ed Alexander Rossi, apparso abbastanza in forma, oltre a James Hinchcliffe. Lontanissimo invece Graham Rahal, uscito al Q1.