Scott Dixon è stato ancora protagonista a Road America. Il pilota neozelandese ha vinto per la prima volta sulla pista del Wisconsin e in una stagione che l’aveva finora visto restare a bocca asciutta a dispetto di un potenziale straordinario. A risultare decisivi, ancora una volta, gli straordinari fondamentali che tutti conoscono. In primis, la partenza, che l’ha visto guadagnare posizioni da subito. Ma anche i re-start, come quello con cui, al giro 31 di 55 si è issato al vertice ai danni di Josef Newgarden. Ad aiutarlo, anche la scelta delle gomme soft: tuttavia, con nove giri al termine, la situazione si è presentata invertita e Dixon non ha lasciato spazi all’americano.

Curioso che proprio Road America, pista adorata da tutti i piloti, tecnica, insidiosa e pericolosa, Dixon non avesse mai vinto. Battuto il giovane leone Newgarden, ma anche Helio Castroneves che, dopo la pole in qualifica, si è dovuto accontentare passando subito in secondo piano. Dalla seconda alla quinta posizione, le quattro le vetture di una fortissima armata Penske con anche Simon Pagenaud quarto e Will Power quinto (dopo un contatto con James Hinchcliffe). Ma il team Ganassi il potenziale l’ha mostrato anche con Charlie Kimball, ottimo interprete delle piste “dure” al sesto posto.

Dall’altro lato della barricata c’è stato Tony Kanaan, protagonista di una forte uscita alla “kink” che l’ha lasciato scosso. Si è poi chiusa al diciassettesimo posto la corsa di Esteban Gutierrez, al primo impatto su un circuito difficile per un rookie. Male anche Takuma Sato, mai in gara e anche finito fuori  pista per forti dolori al collo. Chi ha impressionato è invece stato Mikhail Aleshin, decimo dopo aver saltato entrambe le libere.

Elkhart Lake (USA) - IndyCar Series, 23-25 giugno 2017

1. Dixon (Dallara DW12-Honda) a 55 giri in 1h47’18”9870, alla media di 198.642 km/h; 2. Newgarden (Dallara DW12-Chevy) a 0"5779; 3. Castroneves (Dallara DW12-Chevy) a 4"1918; 4. Pagenaud (Dallara DW12-Chevy) a 4"9721; 5. Power (Dallara DW12-Chevy) a 5"7227; 6. Kimball (Dallara DW12-Honda) a 14"7178; 7. Carpenter (Dallara DW12-Chevy) a 21"6338; 8. Rahal (Dallara DW12-Honda) a 22"2273; 9. Chilton (Dallara DW12-Honda) a 23"3076; 10. Aleshin (Dallara DW12-Honda) a 24"3586; 11. Munoz (Dallara DW12-Chevy) a 26"1402; 12. Pigot (Dallara DW12-Chevy) a 33"4983; 13. Rossi (Dallara DW12-Honda) a 38"1370; 14. Hunter-Reay (Dallara DW12-Honda) a 39"8433; 15. Daly (Dallara DW12-Chevy) a 43"1988; 16. Hildebrand (Dallara DW12-Chevy) a 1’16"5039; 17. Gutierrez (Dallara DW12-Honda) a 1’28"4634; 18. Andretti (Dallara DW12-Honda) a 1 giro; 19. Sato (Dallara DW12-Honda) a 1 giro; 20. Hinchcliffe (Dallara DW12-Honda) a 2 giri; 21. Kanaan (Dallara DW12-Honda) a 11 giri. Giro più veloce: il 52° di Newgarden in 1’43”4651.

In campionato:

1. Dixon 379; 2. Pagenaud 345; 3. Castroneves 342; 4. Sato 323; 5. Newgarden 318.