Josef Newgarden è riuscito nella sua missione, quella di riportare un pilota statunitense sul trono dell’IndyCar series dopo 5 anni. Il pilota del team Penske, dopo aver conquistato una netta pole position, ha semplicemente controllato dall'inizio alla fine l'ultima gara della stagione a Sonoma, con le vetture del capitano che hanno messo in pista una superiorità stupefacente senza beneficiare del doppio punteggio in palio e senza stravolgimenti dovuti alla safety-car. 

Dopo aver controllato con apparente facilità le prime fasi, Newgarden si è visto sopravanzare dal compagno di colori Simon Pagenaud, che spingendo al limite - a volte anche oltre - l’ha beffato in uscita dall'ultimo pit stop pur avendo effettuato una sosta in più. Newgarden gli si è accodato badando solo non fare errori, e precedendo sul traguardo un'altra vettura del capitano, quella di Will Power. Diventando così anche il più giovane campione delle ruote scoperte americane dai tempi di Jacques Villeneuve e resistendo alla pressione di tutto un’ambiente che già lo vede come un punto cardine per il rilancio della categoria.

Non c'è stato nulla da fare per Scott Dixon, che le ha provate tutte, ma non ha potuto fare miracoli con una vettura inferiore. Il neozelandese è riuscito ad inserirsi nel gruppone Penske, ma si è dovuto accontentare della quarta posizione davanti ad Helio Castroneves, risultando l’unico alfiere Honda e del team Ganassi a fare la differenza. Per il resto, sul difficile saliscendi della California la gara in se non è stata delle più spettacolari, complici le ridotte chance di sorpasso di una pista comunque estremamente selettiva. 

A mettersi in luce con un sesto posto è stato Graham Rahal, che ha recuperato dopo un inizio weekend difficile precedendo le due vetture del team Andretti di Marco Andretti e Ryan Hunter-Reay. Ritiro invece tra errori e problemi tecnici per Takuma Sato, all’ultima gara prima del passaggio al team Rahal, mentre anche Alexander Rossi si è dovuto fermare per problemi meccanici.

L’ordine d’arrivo del Grand Prix Of Sonoma, ultima tappa dell’IndyCar Series 2017:

1 - Simon Pagenaud (Dallara DW12-Chevy) – Penske - 85 giri
2 - Josef Newgarden (Dallara DW12-Chevy) – Penske - 1"0986
3 - WIll Power (Dallara DW12-Chevy) – Penske - 1"6139
4 - Scott Dixon (Dallara DW12-Honda) – Ganassi - 12"0870
5 - Helio Castroneves (Dallara DW12-Chevy) – Penske - 22"5022
6 - Graham Rahal (Dallara DW12-Honda) – RLL - 23"5289
7 - Marco Andretti (Dallara DW12-Honda) – Andretti - 23"9788
8 - Ryan Hunter-Reay (Dallara DW12-Honda) – Andretti - 24"5140
9 - Sebastien Bourdais (Dallara DW12-Honda) – Coyne - 49"9911
10 - Conor Daly (Dallara DW12-Chevy) – Foyt - 55"6650

Ritirati
70° giro - Ed Jones 
63° giro - Takuma Sato 
61° giro - Alexander Rossi 
53° giro - James Hinchcliffe 

In campionato
1. Josef Newgarden 560; 
2. Scott Dixon 557; 
3. Helio Castroneves 538; 
4.Simon Pagenaud 526; 
5. Will Power 492.