Un Kevin Harvick nella sua forma migliore ha centrato in Texas la sua seconda vittoria dell’anno, diventando uno dei quattro piloti che si giocheranno la corona Nascar nell’appuntamento finale di Miami, tra due settimane. Al volante della Ford numero 4 messa in pista dal team Stewart-Haas, il californiano ha giocato bene le sue carte emergendo negli ultimi 50 passaggi dopo essere rimasto fuori dai guai per tutto il pomeriggio. Una bandiera gialla per l’uscita nelle barriere - tra fuoco e fiamme - di Kyle Larson, ha portato alla definizione della fisionomia della classifica finale. Mentre Truex lasciava sul posto Hamlin in ripartenza, Harvick, dalla quarta posizione, si liberava in poche tornate di Kahne, Logano e dello stesso Hamlin

Il sorpasso decisivo, dopo una breve rincorsa, è arrivato a -9: Harvick ha approfittato del traffico di vetture doppiate e non ha lasciato scampo a Truex, andando a vincere con apparente facilità. Comunque, il portacolori del team Furniture Row può restare tranquillo dato che, con oltre 50 punti di vantaggio in classifica sul suo avversario più pericoloso, ha a sua volta matematicamente guadagnato il posto per la sfida finale. Dietro a Truex, Kyle Busch e Harvick, in graduatoria ci sono Brad Keselowski e Denny Hamlin, e a decidere l’ultimo partecipante alla lotta per il titolo sarà il penultimo round di Phoenix. In Arizona dovranno tutti puntare alla vittoria, in particolare Chase Elliott, che ha terminato ottavo a Fort Worth, e Jimmie Johnson. Il pluricampione ha incontrato una nuova gara-no tormentata da un pit-stop aggiuntivo e dalla necessità di recuperare due giri. Alla fine si è piazzato ventisettesimo.

Anche lo stesso Kyle Busch non ha avuto vita facile per via di un contatto con Keselowski e poi di una foratura: per lui comunque, la vittoria nell’appuntamento precedente a Martinsville aveva già portato a casa la qualificazione. Da sottolineare poi il quarto posto per Matt Kenseth. Il quarantacinquenne del team Gibbs ha annunciato che, non avendo trovato un posto di qualità al via della prossima stagione, non sarà al via nel 2018. Molto difficile pensare di vederlo rientrare in attività, anche se non ha voluto parlare ufficialmente di ritiro. In top-10 hanno concluso anche Kurt Busch, che aveva conquistato con un giro record la pole position, oltre ad Erik Jones, compagno di colori di Truex. Undicesimo Kasey Kahne, che era ripartito terzo all’ultima situazione di caution.

L’ordine d’arrivo della AAA Texas 500 di Fort Worth, 34esima prova della Monster Energy Nascar Cup Series 2018:

1 - Kevin Harvick (Ford) - Stewart-Haas - 334 giri

2 - Martin Truex, Jr. (Toyota) - Furniture Row - 334

3 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 334

4 - Matt Kenseth (Toyota) - Gibbs - 334

5 - Brad Keselowski (Ford) - Penske - 334

6 - Ryan Blaney (Ford) - Wood Brothers - 334

7 - Joey Logano (Ford) - Penske - 334

8 - Chase Elliott (Chevrolet) - Hendrick - 334

9 - Kurt Busch (Ford) - Stewart-Haas - 334

10 - Erik Jones (Toyota) - Furniture Row - 334

In campionato

1.Martin Truex 4168;

2.Kyle Busch 4118;

3.Kevin Harvick 4112;

4.Brad Keselowski 4111;

5.Denny Hamlin 4092.