Sono quattro quest'anno, e 55 in totale le vittorie di Kyle Busch nella Nascar. Il pilota di Las Vegas ha messo in mostra una netta superiorità in quel di Pocono, riuscendo a dominare tutta la seconda parte della 400 Miglia della Pennsylvania. Nonostante una caution nelle fasi finali per un incidente della Ford di Ricky Stenhouse, Kyle Busch ha tenuto a bada prima il compagno di colori al Joe Gibbs Racing Erik Jones, poi la Ford del team Penske di Brad Keselowski, emerso nel finale.

Al quarto posto, con una strategia che prevedeva pit-stop fuori sequenza, ha chiuso Chase Elliott, con la migliore delle Chevrolet, mentre Clint Bowyer ha lasciato sul terreno punti preziosi in quinta piazza, senza riuscire a concretizzare un potenziale visto durante l'evento ma troppo altalenante.

In una corsa che non ha regalato troppe sorprese, ma che ha comunque visto 21 piloti arrivare a pieni giri, il gruppo si è rivelato estremamente ravvicinato: Denny Hamlin ha battuto in volata Joey Logano per il sesto posto, mentre Daniel Suarez si è messo dietro il poleman William Byron e Aric Almirola.

Unico tra gli abituali protagonisti a finire nei guai è stato, ancora una volta, Kevin Harvick. Il californiano, portacolori del team Stewart-Haas, si è piazzato ventiduesimo dopo aver subito un drive-through per una per una ruota mal fissata e un problema allo sterzo.

 

L'ordine d'arrivo della Pocono 400:

1 - Kyle Busch (Toyota) – Gibbs - 160 giri

2 - Brad Keselowski (Ford) – Penske - 160

3 - Erik Jones (Toyota) – Gibbs - 160

4 - Chase Elliott (Chevy) – Hendrick - 160

5 - Clint Bowyer (Ford) – Stewart/Haas - 160

6 - Denny Hamlin (Toyota) – Gibbs - 160

7 - Joey Logano (Ford) – Penske - 160

8 - Daniel Suarez (Ford) – Stewart/Haas - 160

9 - William Byron (Chevy) – Hendrick - 160

10 - Aric Almirola (Ford) – Stewart/Haas - 160

In campionato (proiezioni playoff)

1. Kyle Busch 2040; 2. Keselowski 2026; 3. Truex 2021; 4. Logano 2020; 5. Hamlin 2016.