È scattata con le qualifiche disputatesi stanotte la 24 Ore di Daytona Prototipi e GT, l’importante gara che per tradizione inaugura la stagione dell’Endurance. Al debutto sulla pista di Daytona, la Ligier-Honda Lmp2 del team di Michael Shank guidata da Osvaldo Negri ha conquistato la pole position precedendo tre vetture della classe DP (Daytona Prototipe). Un risultato sorprendente considerando il vantaggio regolamentare di cui ancora dispongono le auto classe DP. Negri ha realizzato il tempo di 1’39”194 precedendo le due Riley-Ford del team Ganassi guidate rispettivamente da Scott Dixon e Scott Pruett e la Corvette di Joao Barbosa. Problemi di affidabilità hanno invece ostacolato le prove della nuova Honda Lmp2, con John Fogarty solo al 23° posto. Tra i piloti italiani, in evidenza Max Angelelli che partirà in quarta fila insieme ai fratelli Taylor con la sua Corvette DP mentre Max Papis che guida un'altra Corvette partirà in quinta fila. Ma la grande battaglia sarà sul fronte della classe GT (che a Daytona si chiama GTLM) perché qui lo schieramento è più combattuto anche della 24 Ore di Le Mans perché in aggiunta si soliti rivali, Ferrari, Porsche, Aston Martin e Corvette, c'è anche la BMW ufficiale con le Z4. La pole è andata alla Corvette di Oliver Gavin che ha preceduto la Ferrari 458 di Gimmi Bruni della AF Corse, campioni del mondo GT in carica. Il pilota italiano era stato il più veloce nelle prove libere, ma per le qualifiche alla Ferrari hanno deciso di adottare la mappatura da gara, che prevede 20 cv in meno. Solo al 6° posto l’altra Ferrari 458, schierata dal team Risi, e guidata da Giancarlo Fisichella e Davide Rigon. Nella classe GTD (Granturismo in configurazione simil-GT3) la pole l'ha conquistata l’Aston Martin di Nygaard davanti alla Dodge Viper di Bleekemolen. Le prime qualifiche sono servite già a determinare la griglia di partenza definitiva della corsa, mentre venerdì si disputa una seconda sessione ma sarà meno determinante perché servirà soltanto a determinare lo schieramento dalla quinta fila in giù. Ricordiamo che Daytona non vale per il mondiale WEC ma per il campionato americano USCC; ci sono le stesse GT di Le Mans però però mancano i Prototipi classe LMP1 di Le Mans e la vittoria assoluta se la giocano le LMP2 e i prototipi americani del tipo DP (Daytona Prototype). La partenza è prevista per sabato alle ore 14.10 della Florida equivalenti alle ore 20.10 in Italia. Autosprint seguirà la corsa sul web con aggiornamenti costanti e anche su twitter sull'account @autosprintLIVE Cesare Maria Mannucci

Ecco i migliori 4 di ogni classe in qualifica:

Categoria Prototipi
1. Pew-Negri-Allmendinger-McMurry          Ligier- Honda      1’39”194
2. Dixon-Kanaan-Larson-McMurry             Riley-Ford         1’39”302
3. Pruett-Hand-Kimball-Karam               Riley- Ford        1’39”309
4. Barbosa-C.Fittipaldi-Bourdais           Corvete-Chevrolet  1’39”568
Categoria GTLM
1. Gavin-Milner-Pagenaud                        Corvette C7R  1’43”488
2. Bruni-Vilander-Collard-Perrodo               Ferrari 458   1’43”830
3. Lamy-Della Lana-Turner-Mucke-M.Lauda         Aston Martin  1’43”960
4. Edwards-Luhr-Klingmann- Rahal                Bmw           1’43”966 
Categoria GTD
1. Nielsen-Davison-Nygaard-Davis               Aston Martin   1’47”272
2. Keating-Bleekemolen-Carter-Goossens-Dodge   Viper          1’47”424
3. Bachler-Zochling-Engelhart-Wilsey-Ineichen  Porsche        1’47”451
4. Snow-Heylen-Dempsey-Eng                     Porsche        1’47”535