Il WEC sceglie la strada della stabilità. Nessun cambiamento al regolamento tecnico nel 2018, si andrà avanti con le attuali regole fino al termine della stagione 2019, mettendo nel cassetto così l'idea di incrementare a 10 MJ la potenza dei sistemi ibridi, novità che sarebbe dovuta arrivare nel 2018, ricorrendo a un terzo sistema di recupero dell'energia. Prospettive diverse per Toyota e Porsche, che aprono alla possibilità di schierare una terza macchina alla 24 Ore di Le Mans.

«Appena avremo la possibilità di schierare una terza macchina a Le Mans, allora lo faremo sicuramente. Dobbiamo attendere, dipende dal budget quel che accadrà. Può aiutare un po' il rinvio dei regolamenti 2018», le parole di Rob Leupen, direttore di Toyota Motorsport in Bahrain. 

«Abbiamo bisogno di tenere i costi sotto controllo, per questo abbiamo congelato l'introduzione delle nuove regole. C'è anche l'interesse di un altro costruttore a entrare nel WEC, sarebbe positivo anche per noi», ha proseguito. 

Una terza vettura a Le Mans aprirebbe nuove prospettive anche sul fronte piloti, quelle che Leupen ha escluso possano esserci sui due equipaggi schierati quest'anno, con decisioni già prese e nel segno della continuità: «Ci sono stati dei contatti con i piloti Audi, in una fase antecedente alla loro decisione di uscire dal WEC. Abbiamo già fatto le nostre scelte e non avranno alcun impatto sulla macchina numero 5 e 6».

WEC Bahrain, Audi chiude in bellezza

L'addio da record di Audi