Nel 2016, ovvero nella stagione del ritorno in pista della GT e a 50 anni dalla vittoria sulla Ferrari alla 24 Ore di Le Mans, datata 1966, la Ford è tornata sul gradino più alto del podio della gara endurance più famosa del mondo. Quest’anno, lo stesso team (Chip Ganassi Racing) ha centrato il primo posto nella 24 Ore di Daytona con i soliti Joey Hand, Dirk Muller e Sebastien Bourdais e ora si prepara a difendere la vittoria dell’edizione 2017 della 24 Ore di Le Mans.

DOPPIA MOTIVAZIONE - La squadra dell’Ovale Blu lo farà sempre nella categoria GTE Pro con ben quattro vetture, come annunciato dall’ACO (Automobile Club de l'Ouest), e anche quest’anno avrà una motivazione in più per centrare l’obiettivo: replicare la vittoria del 1967 della Ford GT40 guidata da D. Gurney (US) e A. J. Foyt (US). “Quando siamo scesi in pista a Le Mans l’anno scorso avevamo gli occhi puntati addosso e la squadra ha accusato molto la pressione di dover ripetere lo storico successo del 1966 con la GT40 - ha commentato Raj Nair, Executive Vice President Global Product Development e Chief Technical Officer, Ford Motor Company - vincere e? stato fantastico ma non possiamo dormire sugli allori”.

TRACCIATO PERFETTO PER LA GT - Oltre alla vettura n. 68 di Hand, Muller e Bourdais ci sarà l’equipaggio 69 con i piloti Ryan Briscoe (AUS), Richard Westbrook (GB) e Scott Dixon (NZ) che cercheranno di migliorare il terzo posto di Le Mans nel 2016, la 66 con la consolidata line-up Stefan Mu?cke (GER), Olivier Pla (FRA) e Billy Johnson (US) e la 67 con il giovane brasiliano Pipo Derani, Andy Priaulx (GB) e Harry Tincknell (GB). “Una delle cose che piu? mi colpiscono di Le Mans e? che alcune parti del circuito sono normalmente strade pubbliche, quindi non e? possibile fare prove durante l’anno - spiega lo stesso Tincknell - quindi, hai un’unica possibilita?, una volta all’anno, ogni estate. E? la gara di endurance piu? prestigiosa al mondo e oltre 250.000 persone accorrono per godersela creando un’atmosfera unica, diversa da ogni altra gara. Il circuito e? di per se? incredibile. Le alte velocita? che permette di raggiungere sono perfette per la Ford GT, sembra sia stato progettato per la supercar dell’Ovale Blu”.