Come anticipato da Autosprint all'indomani della 24 Ore di Daytona, Gianmaria Bruni si accasa in Porsche. Addio a 4 anni di contratto con Ferrari per sposare il progetto 911 RSR a motore centrale, per il quale dovrà attendere fino alla seconda metà di campionato per sedersi al volante, come ha anticipato Frank-Steffen Walliser, responsabile dell'attività Porsche Motorsport: «Si inserisce alla perfezione nel nostro forte parco piloti ufficiali e approderà nella seconda metà stagionale». Primi impegni negli USA dal prossimo luglio.

«Avevo bisogno di una nuova sfida per me stesso. Non dimenticherò mai i 10 anni trascorsi con Ferrari. Grazie Porsche per questa opportunità, spero che l'estate arrivi presto», ha commenato Bruni con un tweet.

Una forte concorrenza interna, uno dei temi chiave per capire come si svilupperà il futuro in Porsche, dove approda con un curriculum di assoluto rilievo in GTE Pro, fatto di vittorie a Le Mans e titoli WEC nel 2013 e 2014, affermazioni alle quali sommare i successi alla 12 Ore di Sebring nel 2010, la 24 Ore di Spa nel 2015. «Siamo lieti di dare il benvenuto a Gianmaria Bruni, uno dei migliori piloti GT al mondo», il saluto di Walliser.

Per un Bruni che va, un Alessandro Pierguidi che rileva il sedile sulla Ferrari 488 GTE di AF Corse, dopo la due giorni di valutazione condotta da Ferrari a Vallelunga, nel corso della quale oltre al pilota 33enne di Tortona hanno girato anche Nyck De Vries, Miguel Molina e Alex Riberas. Alessandro Pierguidi farà coppia con James Calado.

Una carriera iniziata sui kart e proseguita in Formula Renault Italia, prima di saggiare il mondo GT nel 2005 su Ferrari 360 GTC nella serie spagnola e italiana, nel 2007 partecipa ad alcune gare in GT1 con Maserati, impegno intervallato nel 2008 dall'esperienza in Formula Superleague. Nel 2012 agguanta la vittoria della 24 Ore di Spa Francorchamps in classe Pro-Am su Ferrari 458 GT3 di AF Corse (bis nel 2015), preludio all'affermazione più importante in carriera, nel 2014, il successo alla 24 Ore di Daytona sempre su 458 Italia.

Il sedile diviso con Bruni e Calado lo scorso anno a Le Mans sulla 488 GTE adesso diventa suo per l'intero campionato.