Giù dal podio della 24 Ore di Le Mans 2017, così ha deciso la direzione gara al termine delle verifiche sulla Oreca-Gibson del team Vaillante Rebellion. Squalificati per aver utilizzato, nel finale di corsa, una carrozzeria diversa da quella omologata; nello specifico, l'accusa è di aver praticato un'apertura sul lato destro della copertura del motore per accedere al motorino di avviamento e poterlo resettare senza dover passare dalla rimozione della copertura e della carrozzeria del retrotreno.

Al report sottoposto ai commissari sull'impiego di un elemento non omologato, si somma l'intervento non autorizzato in parco chiuso dopo la corsa.

L'equipaggio numero 13, composto da Piquet Jr, Heinemeier e Beche perde il terzo posto assoluto e il secondo di classe, dietro Tung-Laurent-Jarvis, e permette la doppietta a Jackie Chan DC Racing: dietro la numero 38 guadagna una posizione la numero 37 di Cheng-Gommendy-Brundle. Podio di classe per la Alpine Signatech di Panciatici-Ragues-Negrao. 

Nel mirino: 24 Ore di Le Mans: la notte disastrosa della Toyota

Vaillante Rebellion Racing ha confermato l'intenzione di ricorrere in appello contro la decisione dei commissari.