La Toyota Ts050 di Conway-Kobayashi-Lopez ha ottenuto la pole position nella penultima prova Wec, la 6 Ore di Shanghai. Con il miglior tempo medio di 1'42"832 ottenuto da Kobayashi e Conway, ha staccato di 0.440 la Porsche 919 di Tandy-Lotterer-Jani che scatterà al suo fianco.

Seconda fila per la TS050 di Nakajima-Buemi-Davidson, a 0.613 dalla pole e quarta piazza per i leader del campionato Hartley-Bamber-Bernhard, in ritardo di 0.660 con la seconda 919 Hybrid.

In Lmp2 miglior tempo della Rebellion di Senna-Prost-Canal affiancati dalla G-Drive di Rusinov-Muller-Roussel, con 3° l'altra Rebellion  e 4° i leader di categoria Laurent-Jarvis-Tung.


Pole in Gte-Pro per la Aston Martin di Thiim-Sorensen, che ha preceduto la Porsche di Estre-Christensen e la Ferrari 488 di Pierguidi-Calado, attualmente al comando della classifica piloti, mentre Rigon-Bird partiranno 6° preceduti dalle due Ford Gt. Vantage al top anche in Gte-Am, con Dalla Lana-Lauda-Lamy autori del miglior crono davanti alla Porsche di Matteo Cairoli-Dniest-Ried, equipaggi ora pari nella Am dopo il punto assegnato dalla pole position.

La gara scatterà alle 4:00 di domenica mattina e potrebbe già assegnare i titoli costruttori e piloti in LmP1: alle Porsche basterà infatti concludere entrambe dietro le Toyota per portare a Stoccarda l'alloro iridato, così come un 3° posto consegnerebbe a Hartley-Bamber-Bernhard il titolo di Campioni del Mondo.

Uno scenario simile anche in Gte-Pro, dove la Ferrari comanda con 47 punti di margine su Porsche la classifica costruttori. La presenza in gara di Ford e Aston Martin rende però meno agevole il compito ai piloti del Cavallino, che per aggiudicarsi già in Cina il titolo costruttori Gt dovranno cercare di limitare a 3 i punti persi su Porsche.