Se per Fernando Alonso sarà la prima volta in una gara Endurance, per Lance Stroll, la partecipazione alla prossima 24 Ore di Daytona, rappresenta un ritorno. Correrà con il team Jackie Chan DCR Jota, al volante della Oreca-Gibson LMP2, da dividere con Robert Frijns, Daniel Juncadella e Felix Rosenqvist, quest'ultimo già compagno di squadra nel 2015, in Formula 3 europea con Prema Powerteam. La precedente partecipazione, nel 2016, a Daytona, vide Stroll chiudere quinto, nell’equipaggio Ganassi Racing che contava Wurz, Hartley e Priaulx.

Team Jackie Chan che si schiererà nei test del 5 e 6 gennaio, a tre settimane dal via della 24 Ore, con due macchine. Resta da annunciare il secondo equipaggio. «Andremo a Daytona per divertirci, competere e, ovviamente, provare a vincere», ha commentato Stroll.

«Voglio sempre garantire del mio meglio ed essere il più competitivo possibile. Andrò in pista con alcuni amici, sulla stessa macchina, sarà un piacere correre nuovamente questa gara e farlo insieme sarà divertente. Una fetta importante a Daytona la riveste l’equipaggio con il quale condividi la macchina e non vedo l’ora di correre. Non ci sarà da preoccuparsi di alcun fuel saving o gestione delle gomme, ed sarà una corsa dura e nel traffico, che mi diverte».

Todt perdona il Vettel di Baku

Al pari di Stroll, anche Felix Rosenqvist sarà alla seconda partecipazione alla 24 Ore di Daytona. Per Robert Frijns e Daniel Juncadella, l'endurance ha avuto, finora, le proporzioni del trofeo Blancpainc GT. «Ho sentito parecchie cose positive sul team Jackie Chan DCR JOTA, non vedo l’ora di farne parte e sono davvero grato alla Williams per lasciarmi correre a Daytona e aver compreso che voglio mantenere viva in inverno l’impegno in gara»