Si comincia venerdì 5 gennaio alle 9 di mattina locali, ore 15 italiane, con la prima sessione di prove riservata ai prototipi. In pista, sulla Ligier JS P217 numero 23, ci saranno Fernando Alonso, Lando Norris e Phil Hanson, tre dei sette piloti schierati da United Autosports per tentare l’impresa alla 56esima edizione della 24 Ore di Daytona

Gran parte dell’attenzione, nonostante una griglia di partenza d’eccezione, sarà riservata al due volte campione del mondo spagnolo, alla sua prima gara di endurance al volante di una vettura Lmp2, dopo l’esperienza dello scorso anno alla Indy500.

Il pilota del team McLaren è pronto e alla vigilia della partenza per gli States ha commentato: “E’ un vero piacere tornare a correre negli Stati Uniti, di fronte ai fan americani. In meno di un anno avrò corso in due gare leggendarie e ciò mi rende molto orgoglioso. Ho sempre voluto mettermi alla prova in altre categorie, è questo che aiuta a diventare un pilota migliore”.

Lo sorso 21 novembre l’asturiano aveva completato un centinaio di giri sul tracciato di Aragon con la Ligier, primo assaggio di un piatto esotico per un pilota che ha corso l’intera carriera al volante di monoposto: “Uscire dalla mia zona comfort prendendo parte a una gara iconica come la 24 Ore è eccitante. Sono ansioso di gareggiare per United Autosports. Durante i test in Spagna tutti mi hanno fatto sentire parte della famiglia e sono felice di passare del tempo col team e i miei compagni di squadra durante i test.  Non vedo l’ora di saltare in macchina ancora e guidare nel famoso ovale, negli ultimi due mesi ho guardato alcune 24 Ore, che mi hanno reso ancora più desideroso di andare là fuori e mettermi alla prova. Sarà divertente”.

Al fianco di Nando il giovane talento Lando Norris, campione in carica FIA F3 European Championship, nonché terza guida McLaren e pilota in Formula 2 col team Carlin. “Sono ansioso di partecipare ai test e di incontrare i miei compagni di squadra. Inoltre sono felice di tornare in macchina dopo questa pausa ma è solo una delle cose per cui sono emozionato. Andrò in America per la prima volta e sarà una nuova esperienza per me. Sarà utile prepararsi bene col team e fare esperienza con la macchina e la pista. Possiamo iniziare a lavorare insieme come un team e provare a trarre il massimo vantaggio dai test”.

Nomi importanti anche sulla vettura numero 32,  con Bruno Senna e Paul Di Resta che affiancheranno i piloti regolari Will Owen e Hugo de Sadeleer. Di Resta ha corso tre stagioni in Formula 1 con Force India, prima di passare nel Dtm. Durante la scorsa stagione ha ricoperto il ruolo di terza guida Williams, sostituendo Felipe Massa, indisposto, in Ungheria: “E’ bello iniziare così presto la stagione, non ho mai fatto nulla di simile nella mia carriera, è qualcosa di completamente nuovo per me. Ho avuto un piccolo assaggio di Lmp2 in novembre e mi è piaciuto molto, ma ora iniziamo a fare sul serio e devo iniziare a lavorare duramente con il team per fare il meglio possibile. Mi è piaciuto quel che ho visto fino ad ora e spero che possa migliorare quando la pressione aumenterà”.