Con il ritiro di Porsche, accanita avversaria che ha negato a Toyota la gloria di Le Mans negli ultimi due anni, il costruttore giapponese ha comprensibilmente rallentato lo sviluppo dei prototipi per la prima Super Stagione del WEC. Perché, con tutto il rispetto per DragonSpeed, Manor e la new entry Rebellion, le TS050 Hybrid dovrebbero avere vita facile in Lmp1.

Lo scorso gennaio il team Toyota Gazoo ha completato tre giorni di test sul circuito di Aragon, giudicati soddisfacenti e produttivi. Due le vetture in griglia a partire dal Prologo del Paul Ricard: esternamente gli unici cambiamenti percepibili riguardano lo schema cromatico della livrea.

La vettura n. 7 sarà affidata a Mike Conway, Kamui Kobayashi e José Maria Lopez. La n.8 a Sébastien Buemi (campione del mondo con Toyota nel 2014), Kazuki Nakajima e Fernando Alonso. A coprire eventuali defezioni dello spagnolo, il cui primo impegno è correre 21 gran premi con la McLaren,  Anthony Davidson, vincitore con Buemì e Nakajima di cinque gare nel 2017.