È Bono Huis il primo vincitore della Vegas eRace, la gara di Formula E al simulatore corsa al CES 2017 (il Consumer Electronics Show, la più importante fiera di elettronica al mondo). E quindi è il giovane sim-racer finlandese a conquistare i 200.000 $ in premio, oltre ad altri 25.000 $ per la pole position.

Bono Huis vincitore del VISA Vegas eRace

Ma la gara è comunque stata terreno di caccia per i piloti "virtuali", visto che ben cinque di loro (sui dieci presenti) si sono classificati nelle prime sei posizioni, con solo Felix Rosenqvist capace di inserirsi tra questi.

L'evento al The Venetian Hotel è stato dominato dal pilota associato alla Faraday Future Dragon Racing, che dopo aver svettato in entrambe le sessioni di prove libere e la qualifica, ha guidato la gara fino al momento delle soste (qui il video). Quando è stato superato da Olli Pahkala (Mahindra Racing).

Al traguardo sono stati quindi i due finlandesi a passare nelle prime posizioni, seguiti da Rosenqvist che ha così portato due Mahindra sul podio. Enzo Bonito è stato il migliore degli italiani, quarto assoluto con la vettura della e.dams Renault, poi Aleksi Uusi-Jaakola (Andretti Formula E), ed il tanto atteso Greger Huttu (Panasonic Jaguar Racing).

Il resto della top 10 è stato poi completato dal tre volte campione del mondo turismo José María López, dal pilota Ferrari Gt che a fine mese sarà al via a Daytona Sam Bird, dal pilota Audi Daniel Abt e dal campione della prima stagione ed ex-F.1 "Nelsinho" Piquet.

Il giro più veloce, ed i relativi 10.000 $ in premio, è stato invece conquistato David Greco. Che purtroppo è stato trascinato in uno spettacolare incidente da Graham Carrol che ha coinvolto anche poi il comunque quinto classificato Uusi-Jaakola. Per questo purtroppo l'altro italiano ha terminato solo un 15esima piazza.

I piloti impegnati in gara al simulatore

Nelle verifiche post gara, però, si è scoperto che un glitch (cioè un un breve difetto del sistema del simulatore) ha nettamente favorito Pahkala, attribuendogli il Fan Boost non per soli cinque secondi, ma addirittura per cinque giri! Quindi il finlandese è stato penalizzato e la vittoria consegnata a Huis e la seconda posizione a Rosenqvist. Ma non è stato l'unico problema avuto, visto che la corsa inaugurale degli eventi eSports della serie elettrica è stata costretta ad una riduzione della lunghezza della corsa a 20 giri, mentre Lucas Di Grassi (ABT Schaeffler Audi Sport) non è riuscito neppure a prendere il via a causa di una grave avaria del suo simulatore...

Alejandro Agag, Fondatore & CEO della Formula E, ha commentato: “Questa prima eRace a Las Vegas è stato un grande successo. È esaltante l'aver portato la Formula E al CES - il più grande ed importante evento tecnologico al mondo. Credo questo possa essere il primo nel grande futuro della Formula E nelle gare di auto negli eSports. Continueremo ad inseguire nuovi ed innovativi modi per far crescere la nostra presenza in questo mondo che sta crescendo così velocemente, mentre cercheremo di mantenere il coinvolgimento dei fan all'avanguardia di tutte le nostre iniziative.”

Ora la Formula E tornerà a concentrarsi sulle attività "reali", visto che tra un mese calcherà l'asfalto di Buenos Aires in Argentina. Tornerà invece negli Stati Uniti solo a metà luglio, per la penultima tappa della stagione a New York!