Il campionato di Formula E si prepara a vivere la quarta stagione della propria storia. Si parte il 2 dicembre con il doppio round di Hong Kong per terminare con la doppietta di Montreal del 28 e 29 luglio 2018. In mezzo gare in alcune delle più importanti e suggestive città del mondo, tra cui Roma, che ospita il 7° round stagionale il 14 aprile. E in attesa del debutto di marchi come Bmw e Porsche nella quinta stagione, il format creato da Alejandro Agag sta acquistando sempre maggiore popolarità. Di seguito i punti fondamentali del regolamento. 

PROVE
Il weekend di gara si apre con una doppia sessione di prove, la prima da 45 minuti, la seconda da 30. Ogni pilota ha a disposizione due monoposto che possono erogare una potenza massima di 200 kW, pari a 272 cavalli. 

QUALIFICHE
Le qualifiche stabiliscono la griglia di partenza. La durata della sessione di qualifica è di un’ora e si disputa coni piloti suddivisi in gruppi, con ciascun gruppo che ha uno slot temporale di 6 minuti per mettere a segno il miglior tempo possibile. Ciascu pilota ha a disposizione una sola monoposto, settata alla potenza di 200 kW. I cinque piloti più veloci si sfidano nella Super Pole: al pilota più veloce viene assegnata non solo la prima piazzola della griglia di partenza ma anche 3 punti in classifica. 

E-PRIX (GARA)
La partenza avviene da fermi e non è preceduta da un giro di formazione. La gara dura approssimativamente 50 minuti e i piloti effettuano un pit-stop per cambiare vettura. La potenza massima consentita in gara per la quarta stagione è di 180 kW (245 cavalli), 10 in più rispetto alle edizioni precedenti. Tuttavia grazie al FanBoost i piloti possono ricevere un extra di potenza di 100 kJ da utilizzare sulla seconda vettura. 



FANBOOST
E’ una delle principali innovazioni introdotte nel motorsport dalla Formula E, che fin dalla prima stagione consente ai fan di votare via web il loro pilota preferito. Le votazioni si aprono 12 giorni prima della gara e i tre piloti più votati ricevono l’incremento di potenza descritto sopra, utilizzabile solo una volta. I voti possono essere espressi via Twitter o Instagram utilizzando l’ashtag #FanBoost seguito dal nome del pilota preceduto da #.

PIT STOP
Durante le gare i piloti sono obbligati a tornare ai box per un pit stop obbligatorio per cambiare vettura. Il cambio avviene all’interno del garage del team e viene controllato dagli steward della FIA per assicurarsi che venga eseguito in sicurezza. Il cambio gomme non è ammesso tranne che in casi di foratura o danneggiamento.

GOMME
Il fornitore ufficiale è Michelin. Per ogni gara ogni pilota ha a disposizione quattro coperture anteriori e quattro posteriori, più un’anteriore e una posteriore usate nell’evento precedente.

RICARICA
La ricarica delle vetture è proibita durante le qualifiche e la gara, mentre è consentita durante le sessioni di prove.



CAMPIONATO
La Formula E assegna sia il titolo piloti che il titolo costruttori. 

PUNTEGGIO
Il sistema di punteggio segue lo standard FIA, che assegna 25 punti al 1° classificato fino a 1 punto al 10° classificato. 

LICENZA
Per correre il campionato di Formula E è richiesta una specifica e-Licence che i piloti ottengono in seguito a un corso FIA. I piloti devono inoltre aver ottenuto perlomeno 20 punti nei precedenti tre anni validi per una super-licenza di F1 o essere stati in possesso di una super-licenza o devono aver preso parte ad alemno tre e-prix nella stagione precedente.