Tiene la seconda posizione in partenza, poi approfitta dell'errore di Jordan King a Les Combes, quindi mantiene il comando fino alla fine allungando anche un po': così Alexander Rossi vince gara 2 a Spa, ottenendo il suo primo successo stagionale nella GP2 Series e rafforzando la seconda posizione in campionato dietro a Stoffel Vandoorne e davanti a Rio Haryanto e Sergey Sirotkin a pari punti. In questa occasione il leader della classifica, riuscito a superare Nathanael Berthon a metà gara, non ce la fa a resistere all'attacco di Mitch Evans che gli soffia il podio all'ultimo giro. In una gara partita con il sollievo di sapere che Daniel De Jong ha subìto la frattura di due vertebre nell'incidente di ieri, ma è stato operato con successo all'ospedale di Liegi, il duo della Racing Engineering scatta davanti mentre Berthon non parte altrettanto bene, ma riesce lo stesso a restare terzo. King cerca di resistere all'attacco di Rossi a fine di Kemmel, ma tocca male i cordoli a Les Combes e si fa passare. Leal è quarto ma poi perderà posizione su posizione fino a concludere 11°. Risale invece Vandoorne al quale si accoda Evans: la vicinanza a Berthon permette spesso al pilota della Art Engineering di difendersi dai primi attacchi di quello della Russian Time azionando il DRS, poi Vandoorne rompe gli indugi superando Berthon all'11° giro, operazione che Evans replica il giro dopo. Quindi anche Markelov e Sirotkin riusciranno a passare Berthon conquistando il 5° e il 6° posto. Viene dichiarata la virtual safety car per via di Arthur Pic finito nella ghiaia di Stavelot al 13° giro, e quando si riprende Vandoorne fa un errore in frenata a Les Combes che probabilmente rovina una gomma e comunque favorisce l'avvicinamento di Evans, che all'ultimo giro non si fa sfuggire l'occasione, in scia, di passare a Kemmel con l'aiuto del DRS, conquistando l'ultimo gradino del podio. A 7" dal vertice conclude 5° Markelov, mentre Marciello è 12°. Lello è stato a lungo 13° in scia a Pic, quando le macchine erano ancora allineate "a serpente" (12 secondi il suo distacco dal vertice), poi cede a Stanaway, ma al restart dopo la VSC per Pic, riesce a sorprendere l'avversario risuperandolo di slancio. Maurizio Voltini