Da Budapest, Alessandro Gargantini

Impressionante pole di Pierre Gasly, che scatterà dalla miglior posizione in griglia nel sesto appuntamento stagionale dalla GP2 Series a Budapest. Il ventenne driver di Rouen, già velocissimo in qualifica, ha rifilato un abisso di oltre mezzo secondo al pilota russo schierato dalla ART Grand Prix Sergey Sirotkin.

Per il ragazzo supportato dalla Red Bull, già vincitore nel precedente appuntamento di Silverstone, si tratta della seconda pole stagionale dopo quella ottenuta nel primo round di Montmelo.

E’ stata senza ombra di dubbio una sessione di qualifica molto positiva per i piloti italiani, che saranno tutti raccolti nella prime quattro file della Feature Race che si disputerà domani pomeriggio alle ore 15:40.  Antonio Giovinazzi prenderà il via dalla seconda linea con il terzo tempo, Luca Ghiotto dalla terza con il sesto e, infine, Raffaele Marciello chiuderà la quarta con l’ottavo.

I nostri tre portacolori hanno gestito al meglio le insidie della pista ungherese, che presentava un nuovo manto stradale e dei cordoli più bassi, rendendo meno rappresentativi i riferimenti raccolti nelle passate stagioni.

Nella parte conclusiva della sessione, Antonio Giovinazzi ha tentato un assalto alla prima fila, ma è stato rallentato da problemi di traffico. Il pilota di Martina Franca ha spiegato di essere fiducioso, in quanto il ritmo gara è promettente. Molto bene anche Luca Ghiotto, che ha confermato il buono stato di forma, insieme alla milanese Trident, già mostrato nello scorso appuntamento di Silverstone. Tutto sotto controllo anche per Raffaele Marciello, che ha tutte le carte in regola per risalire in gara.

Oliver Rowland, a capo della classifica generale, non è andato oltre il diciassettesimo tempo.