La Volvo è arrivata veramente in forma alla seconda tappa del 2017 a Monza, che dopo aver conquistato ieri con Thed Björk la sua prima pole position nel Mondiale Turismo, aver piazzato tre vetture nelle prime cinque posizioni ed aver anche conquistato con sicurezza il Mac3 (la sfida tra Case costruttrici che assegna punti per la Classifica Costruttori), ha dimostrato anche domenica che la sua S60 era molto adatta per il veloce tracciato brianzolo.

SPRINT RACE. La prima gara del ritorno del campionato nel tempio della velocità italiano si apre con Ryo Michigami costretto a tornare in pitlane anziché schierari per la partenza, tradito dal motore. Altro colpo di scena allo spegnimento dei semafori, con Tom Coronel fermo in griglia a gettare via la pole position grazie all'inversione dei primi dieci della qualifica. Così in testa alla prima variante passano le due Citroën C-Elysée di Tom Chilton e Mehdi Bennani, seguite dalla Chevrolet Cruze di Esteban Guerrieri. Alle loro spalle fanno gruppo Nestor Girolami, Norbert Michelisz, Robb Huff e Nicky Catsburg. Poi la sfida tra i due leader di Honda e Volvo Tiago Monteiro e Thed Björk.

"Bebu" Girolami pare in forma, e durante il secondo giro prova a riprendersi anche la terza posizione, ma un contatto nel sorpasso su Chilton in prima variante gli danneggia la sospensione posteriore destra. Per lui è il ritiro.

Così è Michelisz a lanciarsi alla caccia, e arriva a tentare l'attacco al leader Bennani alla staccata della Parabolica, ma il marocchino non vuole cedere e chiude così bruscamente che entrambi finiscono nella via di fuga. Sulla Citroën si rompe il paraurti, sulla Honda è la sospensione a cedere e costringe l'ungherese ad alzare bandiera bianca.

La leadership passa alle C-Elysée di Chilton e Huff, seguiti dalla Cruze di Guerreri e dai due team leader Monteiro e Björk, che presto arrivano ad attaccare l'argentino. Il portoghese ex-F.1 riesce presto a passare la Chevrolet, mentre lo svedese fatica. Il sorpasso arriva addirittura in uscita dalla Parabolica all'ultimo giro, e l'autore della pole sfila quarto sotto la bandiera a scacchi.

MAIN RACE. Le Civic preparate dalla milanese Jas Motorsport sono afficacissime in partenza, così sia Monteiro che Michelisz guadagnano una posizione ai danni Volvo al via. Alla prima variante passa il portoghese in testa, seguito da Björk, Huff, Catsburg, Michelisz e Girolami.

La leadership dell'ex F.1 dura però appena un passaggio, poi la Volvo alle sue spalle sfrutta la scia e torna in vetta e poi allunga.

Dopo cinque giri la C-Elysée di Tom Chilton si ferma in mezzo all'Ascari con problemi alla trasmissione, e questo constringe la Direzione Gara a mandare in pista la Safety Car. L'interruzione dura poco e dopo poco si riparte, ma non c'è alcuna possibile lotta per la vetta, con la Volvo S60 in testa che torna subito ad allungare.

Huff prova a stare in scia a Monteiro per provare ad accaparrarsi della seconda posizione, ma la Civic è veloce in rettilineo e per l'ex campione del mondo non c'è possibilità. Unico colpo di scena il sorpasso millimetrico di "Bebu" Girolami sulla Honda di Michelisz in uscita dalla parabolica, passando sotto la bandiera a scacchi con un solo millesimo di vantaggio sull'ungherese!